Fondi: Professione perpetua di suor Federica Casaburi. Il rito sarà presieduto dall’arcivescovo di Gaeta mons. Luigi Vari

Domenica 1° maggio alle ore 11.30 presso la chiesa di Santa Maria in Piazza a Fondi (LT) l’arcivescovo di Gaeta mons. Luigi Vari presiederà la Messa con rito di professione perpetua di suor Federica Casaburi tra le Suore Domenicane della Congregazione Romana di San Domenico. L’evento sarà trasmesso in diretta sui media diocesani e della Congregazione religiosa.

In preparazione alla professione religiosa sono in programma due appuntamenti. Venerdì 29 aprile alle ore 20.30 una veglia di preghiera sul tema “Mi ami tu?” mentre sabato 30 aprile alle ore 17.30 una conferenza di suor Annalisa Bini dal titolo “Forever per Sempre”.

Attraverso il rito della professione perpetua, la suora si consacra per sempre al servizio di Dio mediante il ministero della Chiesa e viene definitivamente incorporata al proprio Istituto. Nella professione domenicana, in particolare, si emette soltanto il voto di obbedienza, che include in sé la povertà evangelica e il celibato per il Regno.

Suor Federica Casaburi (Napoli, 1981) è originaria della parrocchia dei Santi Lorenzo e Giovanni Battista di Formia. Una laurea in giurisprudenza, un master in diritto minorile, cinque anni di esperienza forense come praticante avvocato e sette anni al servizio della musica sacra nell’Arcidiocesi di Gaeta. Nel 2013 entra nel postulandato delle suore domenicane della Congregazione Romana di San Domenico. Nel 2016 emette i voti temporanei.  Compie la sua formazione religiosa in Italia (in provincia di Arezzo e a Fondi) e in Francia (a Poitiers). Svolge esperienze apostoliche al servizio delle diverse chiese locali e in ascolto dei bisogni territoriali: nella pastorale liturgica, vocazionale, universitaria, dei migranti; nelle comunicazioni, nel volontariato aconfessionale. Attualmente suor Federica vive nella sua comunità di Roma, è dottoranda in diritto canonico presso la Pontificia Università San Tommaso d’Aquino ed è volontaria presso il carcere femminile di Rebibbia.

La Congregazione Romana di San Domenico (CRSD) è un istituto religioso di diritto pontificio aggregato all’Ordine dei Predicatori (Domenicani). La Congregazione è presente in 11 paesi (Benin, Brasile, Canada, Francia, Giappone, Italia, Norvegia, Spagna, Svezia, Svizzera, USA), con circa 300 suore. In Italia è presente a Fondi (LT), Roma e Terranuova Bracciolini (AR). Seguendo le orme di San Domenico di Guzmán (1170-1221), le suore della CRSD partecipano alla missione dell’ordine domenicano, quella cioè di «manifestare e proclamare con la nostra vita e la nostra parola, iniziando dal prossimo e fino agli estremi confini della terra, la misericordia di Dio, la liberazione e la riconciliazione di tutti gli uomini in Gesù Cristo» (dalle Costituzioni della CRSD).