A Pozzuoli il ”Festival delle Idee Politiche”, 24-26/4/15

Novità guardaci online in diretta!

Festival-IdeePoliticheDiscutere di teorie e pratiche della partecipazione civile e promuovere “nuove idee” è un bene culturale. Se alla discussione poi si aggiungono letture e animazioni di testi a cura di studenti e studentesse, passeggiate archeologiche, vulcanologiche, paesaggistiche e artistiche, spettacoli e itinerari gastronomici, la proposta assume ancora più valore, a beneficio anche del luogo in cui si svolge, che diventa un’eccezionale vetrina turistica.

Con questi presupposti giunge alla seconda edizione il “Festival delle Idee Politiche” che si terrà a Pozzuoli, dal 24 al 26 aprile 2015, nelle sale di Palazzo Migliaresi al Rione Terra e presso l’Auditorium della curia vescovile. La rassegna culturale è organizzata dall’associazione “Città Meridiana” di Iaia De Marco in collaborazione con l’amministrazione comunale di Pozzuoli ed ha i patrocini della Città Metropolitana di Napoli e dell’Università degli Studi “Benincasa”. “Occorre ripensare la politica, in un periodo in cui c’è penuria d’idee e di argomenti – ha detto Iaia De Marco, nel corso della presentazione di questa mattina a Palazzo Toledo – Pozzuoli, che alla sua fondazione fu chiamata Dicearchia, il governo dei giusti, è il luogo ideale per riaprire la riflessione pubblica sulla politica: noi lo faremo attraverso dieci conferenze”. Prestigiosi i nomi dei relatori che interverranno sui vari aspetti dei diritti e del Diritto (tema di quest’anno): Aldo Masullo (filosofo), Chiara Saraceno (sociologa), Gianfranco Viesti (economista), Stefano Causa (storico dell’arte e figlio di Raffaello), Luigi Russi (autore del saggio In pasto al capitale), Massimiano Bucchi (sociologo della scienza), Maurizio Pallante (saggista), Domenico Lucano (sindaco di Riace, “patria dei profughi”). “L’amministrazione è ben lieta di accogliere in città tutti coloro che partecipano alla rassegna e che avranno modo di apprezzare le nostre bellezze e il nostro patrimonio monumentale e archeologico – ha sostenuto l’assessore Franco Fumo -. Queste iniziative, che sosteniamo con convinzione, vanno nella direzione del cambiamento che stiamo determinando in città, che è un fatto innanzi tutto culturale”. Tra una discussione e una passeggiata, sono previsti anche due spettacoli: la proiezione dei corti “Lina Màlina” di Caroline Abtibol e “Amica nostra Angela” di Nadia Pizzuti; e la pièce teatrale “Il cielo stellato sopra di me” con Renato Carpentieri. Il format del Festival prevede che ogni edizione abbia (fisicamente o idealmente) un personaggio ospite, il cui contributo sia stato particolarmente rappresentativo nell’ambito del tema prescelto o del territorio. L’edizione 2015 rende omaggio a Raffaello Causa, il leggendario soprintendente, instancabile organizzatore di mostre rimaste nella storia.