Alatri(Fr): Fare Verde. Raccolta straordinaria pneumatici fuori uso all’ex Campo di internamento “Le Fraschette”

Il Paese delle meraviglie a Minturno


L’appuntamento con l’ambiente e la cultura è per domenica prossima, al campo di internamento Le Fraschette di Alatri. FareVerde Frosinone ed EcoTyre rinnovano questa partnership fortunata e questa volta ripuliscono dai PFU un monumento storico, un luogo della memoria dimenticato per lungo tempo anche dalla storia e dalle coscienze: il campo di internamento Le Fraschette.

I volontari di FareVerde Frosinone raccoglieranno le gomme giunte a fine vita ed EcoTyre si occuperà della loro corretta gestione portandole, con un proprio mezzo, all’impianto di trattamento più vicino e avviandole al recupero; i PFU infatti sono rifiuti che, se opportunamente trattati, possono essere riutilizzati al 100%, se invece restano nell’ambiente sono detti “permanenti”. Ma il loro riciclo è garantito da una rete nazionale di raccolta che li ritira gratuitamente dai gommisti, così come a costo zero sono gli interventi straordinari per le associazioni e le amministrazioni comunali coinvolte. 

Questo particolare intervento a cui partecipano anche privati cittadini e le associazioni End of Wate e  Terra Nostra  è svolto per il recupero di un pezzo di storia; il campo di internamento Le Fraschette fu progettato nel 1941 per ospitare prigionieri di guerra ma durante il secondo conflitto mondiale fu utilizzato come campo di internamento di civili. Divenne poi un centro di raccolta per stranieri e negli anni 60 per i profughi italiani provenienti dai paesi del Nord Africa. 

Nel 1976 venne chiuso in maniera definitiva e rimase fino ai primi anni 90 preda dell’incuria, per essere poi via via riscoperto grazie a iniziative del territorio. In occasione del Giubileo del 2000, fu ristrutturato e alcuni edifici riconvertiti in ostello della gioventù. Si sono susseguite quindi numerose iniziative di gruppi e associazioni per non far dimenticare la storia e le vicende avvenute all’interno della struttura, attualmente di proprietà del demanio statale. Nel 2008 il Ministero per i Beni e le Attività Culturali ha decretato ufficialmente l’interesse storico e artistico dell’area. 

le3cshop.com