Bradisismo e rischio vulcanico a Pozzuoli.

Guardaci in diretta streaming

IncontroForum-1Il sindaco di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia, è intervenuto, martedì 12 maggio, all’incontro sul tema “Bradisismo e rischio vulcanico”, che si è tenuto nella sede della Protezione Civile in Via Vittorini a Monterusciello. L’iniziativa è stata promossa dal Forum dei Giovani di Pozzuoli ed ha visto la partecipazione di circa cento studenti di tre istituti superiori: Isis Tassinari, Pareto e Virgilio. Oltre al sindaco, sono interventi il direttore dell’Osservatorio Vesuviano Giuseppe De Natale, il responsabile della Protezione Civile del Comune di Pozzuoli Franco Alberto De Simone e il presidente del Forum dei Giovani, Raffaele Quagliozza.

 

«È giusto ed importante che i cittadini siano informati e condividano il fenomeno del bradisismo e gli eventuali rischi che corre questo territorio – ha detto il sindaco Figliolia – Il coinvolgimento degli studenti è strategico perché rappresentano il futuro e perché attraverso di loro si entra nelle famiglie e si diffondono le conoscenze. Non a caso IncontroForum-3vogliamo che questi incontri, grazie anche agli spazi e agli strumenti che la nuova sede comunale di Protezione Civile possiede, diventino frequenti e coinvolgano tutte le scuole della città». Gli aspetti più propriamente tecnici e scientifici dell’argomento sono stati affrontanti da Giuseppe De Natale, che ha fatto una disamina sull’attuale stato della caldera e dei centri eruttivi, sui sistemi di monitoraggio sia terreni sia sottomarini e sul fenomeno del bradisismo, tipico dei Campi Flegrei: «Dal 2005 ad oggi, l’abbassamento del suolo si è fermato – ha detto il direttore dell’Osservatorio Vesuviano – ed è ricominciato il sollevamento, anche se in misura lenta e poco rilevante. In dieci anni, infatti, il suolo si è alzato di appena 28 centimetri, niente rispetto al fenomeno registrato negli anni Ottanta. Nel frattempo, sono cresciute anche le attività dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, col potenziamento del personale e degli strumenti di controllo».