Calcio 1 cat: Mister Coppola guiderà la nuova Ss Formia Calcio

Pubblicità

Pubblicità

Si formula il presente comunicato per chiarire gli eventi degli ultimi giorni, con una breve premessa.

La società del Pro Formia, aldilà di denominazioni o titoli che può aver cambiato, ha da sempre rappresentato una bella parentesi del calcio formiano, godendo di ampia stima e di un’ottima reputazione, dapprima con il suo fondatore Gino Palmaccio e negli ultimi anni, grazie all’impegno del sig. Arturo Purificato.

Lo scorso anno, per scelte della vecchia proprietà e per la voglia di crescere ulteriormente, il club ha vissuto un passaggio societario, ne prende così le redini l’attuale presidente Roberto De Marco.

Sin da subito, per pura passione e voglia di creare qualcosa di importante nella nostra città, nonostante le difficoltà presentatesi sul percorso, il club è riuscito a farsi rispettare in un campionato di prima categoria non facile, anche battendo le squadre più grandi del girone e concludendo una prima stagione non da spettatori, ma con un meritato 4^ posto.

Innegabili sono dunque le ambizioni della nuova società, pertanto a fine campionato non si nascondono le intenzioni della presidenza di rilevare l’Atletico Lazio, ultima matricola della squadra tanto amata nel calcio formiano ovvero l’SS Formia (nonostante anche lì, come spiegato già da qualcuno, le matricole sono mutate varie volte nel corso degli anni, ma ciò che sicuramente non è mutato è stato lo stemma, il nome e l’amore dei tifosi).

Avremmo voluto tanto regalare questa gioia alla città e a tutti quelli che al solo pensiero di ciò, hanno detto di provare i brividi per l’emozione, rifondare l’SS Formia partendo da una promozione e ricreare in città quell’entusiasmo che da troppo tempo manca in ambito calcistico. Tuttavia, diversi ostacoli, in primis, i 9 punti di penalizzazione inflitti dalla Lega a tale società, avrebbero reso troppo complicato questo percorso, ma si fa presente che questa acquisizione è stata provata, sino allo stremo delle forze. Pertanto, si è ritenuto più giusto mantenere il titolo già in possesso e fare di tutto per acquisire sul campo la promozione, con il sacrificio di ragazzi e l’impegno di una società, che sta facendo tutto questo, forse, per un po’ di sana follia di chi ne è alla guida e per il piacere di fare qualcosa di bello per la città in cui si è nati e si vive ogni giorno.

Vi assicuriamo che essere alla guida di una squadra oggi è una scelta che pochi fanno, per ovvie motivazioni, forse, banalmente, si pensa ad interessi economici, ma la verità è che quando si fa questo, si pensa all’esatto contrario, ovvero… non ci si pensa, altrimenti si sceglierebbe, saggiamente, di non farlo. Si pensa all’emozione di aspettare la domenica già dal lunedì, attendendo quei fatidici 90 minuti, che ti regalano sempre così tanto, sia nel bene che nel male, che a volte non ti fanno dormire, a volte ti fanno brindare, ma mai ti lasciano indifferente.

Da qui la scelta, non di fare un semplice cambio di denominazione, perché se questo è il problema, qualsiasi società nuova, si sarebbe potuta creare e chiamare così, partire dalla categoria prevista o ecco, acquisire un titolo già esistente e rilanciarsi su Formia. Noi abbiamo preferito partire da una squadra già di Formia e crediamo che questo debba solo far piacere agli amanti della città e del calcio.

Quindi l’invito è: supportiamoci, aiutiamoci, perché la squadra non è nostra , ma la squadra è della città, sperando di scrivere nuovi capitoli di storia, partendo dalle piccole soddisfazioni.

Con l’occasione, la società si dichiara aperta a qualsiasi tipo di confronto con i tifosi, a qualsiasi tipo di collaborazione con chi è appassionato di calcio ed è aperta a tutti i calciatori Formiani.