Cassino: Arrestato un commerciante del posto per usura ed estorsione

La Guardia di Finanzana ha portato a termine un importante azione volta al contrasto dell’estorsione e della pratica usuraria. I Finanzieri del Comando Provinciale di Frosinone, infatti, al temine di articolate indagini di polizia giudiziaria coordinate dalla locale Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cassino, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Cassino, nei confronti di un commerciante del posto, sospettato a vario titolo dei reati di usura, estorsione ed esercizio abusivo dell’attività creditizia. Le indagini condotte dalla Guardia di Finanza di Cassino, hanno consentito di individuare molte delle vittime, quasi tutte imprenditori del cassinate operanti in molteplici settori commerciali, anche attraverso l’aquisizione delle registrazioni delle telecamere di video sorveglianza, le intercettazioni telefoniche e indagini incrociate nell’ambito bancario. Grazie ai risultati ottenuti, si è potuto risalire ad un soggetto già noto alle FF.OO che, secondo quanto ipotizzato, erogava denaro applicando tassi di interessi particolarmente superiori a quelli stabiliti dal Ministero dell’Economia e delle Finanze. Tali accertamenti hanno indotto il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Cassino a disporre il sequestro preventivo di circa 75.000 Euro frutto disupposti interessi percepiti e il sequestro di un vasto patrimonio immobiliare per una stima di 1.200.000 Euro.

Pubblicità