Castelforte: Accolti dal sindaco A.F. Pompeo, ha accolto gli ex sindaci e i familiari di coloro che, dal dopoguerra ad oggi, hanno ricoperto la massima carica istituzionale del Comune

Pubblicità

Questa mattina il Sindaco Angelo Felice Pompeo ha accolto gli ex sindaci e i familiari di coloro che, dal dopoguerra ad oggi, hanno ricoperto la massima carica istituzionale del Comune per un breve ma intenso e significativo momento celebrativo.

Nell’atrio antistante la sala consiliare sono state collocate le foto degli ex sindaci dal dopoguerra ad oggi unitamente alla copia della delibera di Giunta Comunale n.14/2022.

Qui sotto riportiamo l’intervento del Sindaco.

Buongiorno a tutti.

E’ un grande onore per me aver potuto e voluto organizzare questa piccola manifestazione per rendere onore e merito a tutti i colleghi Sindaci che, dal dopoguerra, hanno avuto l’onere e l’onore di guidare la nostra amata Terra di Castelforte.

La storia della nostra Città meritava un momento per fare memoria del nostro passato, per ricordare chi, con spirito di sacrificio e impegno, ha voluto mettersi a servizio dei concittadini. Purtroppo, alcuni dei grandi protagonisti del nostro passato non sono qui, ma per chi, come me, è anche un credente, so che loro ci stanno guardando e come possono stanno continuando a servire il nostro paese.

Non viviamo un tempo facile e come tutti ben sappiamo nessun tempo è semplice. Ci sono sempre ostacoli, difficoltà e sofferenze ma ci sono anche molte cose belle e molte soddisfazioni che s’intrecciano dentro un percorso complicato.

Ogni Sindaco, infatti, nel corso del proprio mandato, ha dovuto affrontare tante problematiche molte delle quali non sono neanche conosciute perché sono state vissute personalmente.

Immagino i Sindaci dell’immediato dopoguerra alle prese con la ricostruzione, con le famiglie distrutte dal disastro di una guerra rovinosa che ha lasciato ferite incancellabili. Immagino l’impegno, la sofferenza e, a volte, l’impossibilità di offrire risposte alle grandi esigenze, ad emergenze che non hanno trovato risposta. Eppure la nostra popolazione è andata avanti, ha saputo superare ostacoli grandi e ha saputo ridare speranza al futuro.

Immagino i Sindaci che hanno dovuto affrontare le problematiche della mancanza di lavoro, il fallimento di vedere intere famiglie lasciare la nostra terra ed emigrare in ogni continente. Ma ho anche registrato i tentativi riusciti di offrire nuove e importanti occasioni di lavoro grazie anche a politici importanti che hanno voluto bene alla nostra città incoraggiando imprenditori a fare investimenti significativi come la Manuli autoadesivi, la Ceramica Galba e le Terme Vescine che hanno frenato l’emigrazione e hanno offerto significative opportunità di lavoro.

La storia merita momenti di verità e non posso sottrarmi a questo dovere che avverto essere una responsabilità insita nell’impegno che mi sono assunto grazie al voto popolare.

Immagino i Sindaci che hanno dovuto affrontare le varie crisi economiche e i tentativi che hanno portato avanti di ammodernamento del territorio con nuove infrastrutture e servizi di grande livello. Purtroppo non si è riusciti a fermare l’esodo dei giovani, molti dei quali hanno lasciato la nostra terra anche se non perdono occasione per tornare a respirarne l’aria appena possono.

Anche questo tempo è carico di problematiche ma abbiamo tante speranze di recuperare risorse e mettere in campo idee e progetti. A voi, a ciascuno di voi, chiedo di collaborare perché ognuno di voi conosce questa Terra, conosce questo popolo e conosce le loro esigenze, le loro necessità e ha idee da suggerire per continuare a camminare ancora avanti.

Oggi, però, ci godiamo tutti, nessuno escluso, questo momento che non è solo una celebrazione ma è un atto sentito per ridare cuore alla memoria collettiva e rendere questa “casa comunale” sempre più la casa della nostra Comunità: una Comunità che deve continuare il percorso di unità nel bene comune; una Comunità che sarà certamente capace di affrontare le sfide che abbiamo di fronte che non sono né semplici né banali ma richiedono uno sforzo unitario e una collaborazione istituzionale di alto profilo; una Comunità che vuole continuare a scrivere, insieme, pagine significative per se stessa e le nuove generazioni.

Sono certo che ognuno di noi sa bene di cosa sto parlando e mi sento rassicurato nel guardare i vostri volti perché sento che ognuno di voi non farà mancare la propria collaborazione sia morale che concreta. Mi attendo suggerimenti, incoraggiamenti e collaborazione. Nessuno di noi può fare da solo, ma tutti, abbiamo bisogno di sentirci protagonisti del futuro della nostra gente e della nostra Terra. Questa ci è stata consegnata in eredità e noi abbiamo il dovere di consegnarla a chi verrà dopo di noi migliore di come l’abbiamo trovata.

Grazie di essere venuti con i vostri famigliari e grazie anche ai famigliari di chi mi ha preceduto in questa responsabilità che è qui presente. Da parte mia vi assicuro che sto cercando di onorare questa responsabilità avendo nel cuore e nella mente quanto ciascuno di voi presenti e di chi non c’è più, ha saputo e voluto fare per il bene comune. Viva Castelforte!

IL SINDACO

Angelo Felice POMPEO

Pubblicità