Il CCP di Formia non si iscrive al campionato

I.T.E. Tallini Castelforte

14238082_1087890884628335_6915027070239619921_n

SPORT: Ancora una brutta notizia dal mondo dello sport Formiano, la storica CCP Formia non si iscriverà al prossimo campionato.

La CCP nasce nell’Aprile del 1973 da un’idea di Osvaldo Bruno Scipione che decide di formare una squadra, partendo da due ragazzi, i fratelli Enzo e Nicola Bove, che stavano giocando a flipper.

14344700_1087890904628333_8233105600604573908_nGli allenamenti si tenevano presso l’oratorio Don Bosco di Formia, su un campo polveroso e privo persino dell’acqua, o  presso il campo “Enaoli”.

Il primo campionato fu quello “Allievi” giocato nel 1973, l’anno successivo ci fu il primo campionato “Giovanissimi” e la CCP fu l’unica squadra della zona a prendervi parte.

Dal 1974 la compagine biancorossa Formiana ha disputato i campionati Giovanissimi, Allievi e Juniores, ottenendo dei soddisfacenti risultati e facendo da scuola per numerosi giovani, alcuni dei quali approdati poi al Formia, tra cui il Direttore Generale dell’attuale Formia 1905, Stefano Zangrillo, che dalle pagine di un social network, rivendica con orgoglio di aver indossato la maglia del CCP.

“Il C.C.P. di cui con orgoglio ho indossato la maglia, resta la realtà più pulita e piena di passione del calcio formiano, caratteristiche che non fanno altro che rispecchiare, le doti di colui che l’ha fondata e portata avanti con tanti sacrifici e tanto amore per ben 43 lunghi anni: Osvaldo Scipione – così Stefano Zangrillo ex giocatore del CCP – Questo grande uomo di calcio, per quasi mezzo secolo, ha dato l’opportunità a tantissimi ragazzi, me compreso, di fare Calcio sano, quando le squadre maggiori magari ti scartavano perché “non all’altezza” o magari perché non ti eri ripreso da un infortunio e non servivi più. Tanti ragazzi tolti da mezzo alla strada, che si “arrampicavano” fin su a Castellonorato, spinti dall’ardore e dalla passione di un allenatore che non si è mai arreso. Conoscendolo, io credo che mai si arrenderà e che questo della CCP sia solo un arrivederci”.

allievi_1973-74Dal 1976, per non lasciare in mezzo alla strada i ragazzi che non rientravano con l’età nelle giovanili e per farli ancora divertire, la CCP si iscrive anche al campionato di Terza Categoria, oltre a mantenere il settore giovanile; dopo 15 anni la società decide di non formare il settore giovanile a causa di alcuni “personaggi” che prendevano i ragazzi per portarli in altre società e per tenere fede alla filosofia adottata dalla nascita della società che prevede divertimento, onestà, ma senza alcun interesse finanziario o di prestigio, valori che ancora sopravvivono nella compagine attuale.

Oggi dopo 43 anni a servizio dello sport più vero, la CCP ed il suo storico Presidente Scipione, probabilmente non riconoscendosi più nell’attuale sport, getta la spugna e non e la storica società formiana per la prima volta nella sua storia non si iscrive al campionato di Terza categoria.

Una decisione che addolora tutti, tifosi, appassionati e chi ha vissuto o conosciuto la realtà del CCP, un’immagine di società sportiva lontana dalla attuale realtà del binomio sport – business e dal clamore, che mai in 43 anni di storia si è lasciata ammaliare dalle sirene del dio denaro, ma è rimasta legata ad una visione più pulita e sincera dello sport, quella visione che solo i veri amanti ed i romantici continuano ad avere e, se molti dei ragazzi e degli uomini di oggi sono quello che sono, forse lo devono anche a Osvaldo Scipione ed al CCP.

di Enrico Duratorre

Fonte http://ccpformia.altervista.org/

Gli ultimi post su Facebook di Telegolfo