Cellole – Il Comune patrocina la rappresentazione vivente della passione di Cristo che si terrà mercoledì presso la villa comunale

Il Comune di Cellole patrocina la rappresentazione vivente della passione di Cristo prevista per mercoledì 16 aprile alle ore 22 presso la villa comunale in piazza Aldo Moro. Il patrocinio, voluto dall’assessorato agli Spettacoli, rientra nel programma di attività che il Comune intende promuovere per le forme di espressione artistica e culturale che valorizzino la creatività e il talento delle persone e anche al fine di sensibilizzare l’attenzione per le diverse modalità comunicative. L’associazione “Compagnia dei non_attori” ha ripresentato anche per questo anno un progetto per l’allestimento di una rappresentazione vivente della passione “La morte del giusto” che coinvolge come figuranti oltre quaranta comparse tra giovani e adulti. Considerato che per garantire la realizzazione dell’iniziativa è necessario provvedere alla fornitura di supporto logistico, tecnico oltre che economico per far fronte alle spese di allestimento e che l’iniziativa si caratterizza non solo per la sua valenza culturale, quale opportunità e strumento di promozione della cultura teatrale, ma anche per la connessa connotazione sociale quale opportunità e strumento di aggregazione e socializzazione tra persone appartenenti a diverse fasce generazionali, la giunta comunale targata Izzo ha deciso di concedere l’autorizzazione all’occupazione del suolo pubblico alla fornitura e montaggio del palco comunale, forniture di energia elettrica per lo svolgimento della manifestazione, l’esonero dal pagamento dell’imposta su pubblicità e affissioni e tassa sui rifiuti; di disporre di servizio di vigilanza con relativa chiusura al traffico dell’intera piazza Aldo Moro e la zona interessata dalle ore 19.00 alle 22.00 del giorno mercoledì 16 aprile e di assumere l’onere delle spese per il supporto logistico (fornitura stampati, impianto fonico, lavori di sartoria, costumi e eventuali attrezzature varie ,ecc.) nella misura non eccedente a seicento euro.

 

Gli ultimi post su Facebook di Telegolfo