Citta di Minturno, effettuata iscrizione.Mister Pernice verso la riconferma.

Gennaro-PerniceIl Città di Minturno si è iscritto al campionato di Eccellenza. I timori che si paventavano alla vigilia sono scomparsi con l’iscrizione al massimo torneo dilettantistico regionale effettuata dal presidente Giuseppe Chianese. “Un obiettivo -ha detto il massimo responsabile del club rossoblu- che abbiamo raggiunto grazie alla collaborazione degli sponsor, che ci hanno offerto il loro sostegno e che ci hanno spinto a proseguire la nostra avventura. Purtroppo le disponibilità economiche sono ridotte e di conseguenza senza l’ausilio degli sponsor sarebbe un’impresa fare calcio a certi livelli. 

L’importante era assicurare l’iscrizione al torneo di Eccellenza e ciò era il primo obiettivo da raggiungere. Certo non mancheranno le difficoltà, ma era necessario assicurare che il Minturno fosse ai nastri di partenza.” Superato anche l’ostacolo relativo alla documentazione del campo sportivo Caracciolo Carafa-Rolando Conte, la cui disponibilità è stata assicurata da un’ordinanza del sindaco di Minturno, Paolo Graziano. Circa l’aspetto tecnico il presidente Chianese non si è sbilanciato, in quanto le decisioni dovranno essere adottate dal consiglio direttivo, ma sembra proprio che Gennaro Pernice sia di nuovo il trainer della squadra che ha raggiunto la salvezza. Con lui dovrebbe essere confermato tutto lo staff tecnico, che ha lavorato in maniera brillante. Sul fronte della campagna di rafforzamento i minturnesi dovranno per forza agire sul mercato, dopo le partenze di De Paola e Cicala. Il primo si è accasato a Cassino, l’altro ad Ausonia in Promozione. Scelte che indurranno il club aurunco a reperire un altro difensore centrale da far coppia con il capitano Luca Sica ed un altro centrocampista di sostanza che andrà a sostituire Cicala. Nei prossimi giorni ci saranno le prime novità e l’annuncio ufficiale della ormai quasi certa riconferma di mister Pernice, l’allenatore che ha guidato la squadra alla salvezza nel campionato scorso.

Gianni Ciufo per Editoriale Latina Oggi

 

I commenti sono bloccati.