Consiglio Comunale del Comune di Formia. Paola Villa. “Ho presentato come consigliere una serie di emendamenti al bilancio di previsione 2022-2024”. Nessuno è stato approvato

Durante la seduta di Consiglio Comunale tenutasi ieri, ho presentato come consigliere una serie di emendamenti al bilancio di previsione 2022-2024; nessuno è stato approvato, nessuno è stato minimamente considerato. Questo uno degli emendamenti presentati: TOGLIERE 5.000€ dal capitolo di bilancio per le “SPESE di RAPPRESENTANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE” per rimpinguare il capitolo destinato a EROGARE IL BONUS PER ELETTRICITÀ E GAS per le FAMIGLIE MENO ABBIENTI di FORMIA, portandolo dai miseri €6000,00 euro (di SOLA provenienza statale) a €11.000,00 euro. Devo dire la verità: ingenuamente speravo nel buon senso della maggioranza, visto i due anni di pandemia, e l’aumento del numero delle famiglie in difficoltà economica del nostro territorio. Speravo nel buon senso della maggioranza, soprattutto dopo aver sentito concetti come “noi dobbiamo lavorare per la città e per migliorare la vita dei cittadini”. Speravo nel buon senso della maggioranza, dopo l’intervento dell’assessore alle politiche sociali, che ci ha fatto un quadro disarmante sulla condizione di diverse famiglie del territorio. Speravo male. Veramente male. Eppure le “spese di rappresentanza del Presidente del Consiglio Comunale” sono tra le spese più inutili del bilancio comunale. Soprattutto dopo che si sono “aumentati l’indennità” da febbraio 2022 del 35%.