Crisi idrica: Bartolomeo minaccia azioni legali

Le 3C Minturno”Tutto per la scuola” tel 3806477415

Facebooktwitter

Telegolfo in diretta

Formia:Carenza idrica incontro in comune a cura di Enrico Duratorre per RTG Telegolfo

Pubblicato da Telegolfo-RTG emittente televisiva su Lunedì 5 giugno 2017

 

CRONACA: Un incontro di oltre tre ore quello tra il Sindaco di Formia Sandro bartolomeo ed i tecnici di Acqualatina per porovare ad arginare la crisi idrica che da giorni attanaglia la città di Formia ed i paesi limistrofi.

I tecnici dell’Ente Gestore hanno provato a spiegare che la poca piovosità è una delle cause della diminuzione del livello delle sorgenti, oltre che la rete idrica, come ha spiegato l’Ing. Cima di Acqualatina, ha delle perdite che si aggirano intorno al 70 – 80% della portata d’acqua; numeri che hanno fatto fare un balzo sulla sedia ai presenti.

Da quanto affermato dall’Ing. Cima, se fosse vero, quasi l’intera produzione di acqua andrebbe dispersa nel sottosuolo, con un grave danno per l’utenza che andrebbe a pagare un servizio che non viene correttamente offerto.

Su questo punto, ha precisato l’Avv. Battaglia, consigliera comunale di Sinistra Italiana, l’ente gestore, nelle parole dell’Ing. Cima avrebbe offerto una confessione sull’inadempimento contrattuale che potrebbe portare il Comune di Formia, ed a catena i comuni limitrofi, a disdire i contratti di fornituira con la Società pontina per inadempimento contrattuale, inoltre l’utenza potrebbe diffidare l’Ente Gestore a non richiedere il pagamento di un servizio non fornito, innescando un sistema che in poco tempo andrebbe a divorare l’utile della società che per il 2016 si aggira introno ai 18 milioni di euro.

Scettica sulle risposte date dall’Ente Gestore anche la Confcommercio Lazio Sud Formia, che per bocca del Presidente Giovanni Orlandi, si è detta insoddisfatta delle risposte date dall’Ing. Cima per conto di Acqualatina, risposte già date lo scorso anno, quando la crisi si ripresentò puntuale.

Acqualatina, hanno fatto presente gli intervenuti, ha preso la gestione del servizio idrico integrato dal Consorzio Riunito degli Aurunci nel 2002, ma solo a fine 2016 ha portato all’attenzione della conferenza dei sindaci il piano di investimenti strutturali, una serie di inteventi straordinari, che tuttavia risulteranno dei paliativi, senza arrivare ad una soluzione definitiva, troppo costosa, secondo l’Ente di Viale Nervi e questo ha fatto scattare la furia di alcuni cittadini presenti, esaperati da giorni senza acqua e dall’atteggiamento dei responsabili dell’Ente Gestore del servizio idrico.

Dopo oltre due ore nelle quali non si era arrivato a nulla, ma erano state messe sul tavolo solo delle ipotesi, il Sindaco Bartolomeo ha perso le staffe, minacciando una denuncia per interruzione di pubblico servizio e contestuale richiesta di danni nei confronti di Acqualatina.

A fine incontro, i tecnici di Acqualatina, tra lo scetticismo dei presenti, hanno assicurato che a strettissimo giro sarebbero riusciti a ripristinare il servizio idrico dei quartire alti di Formia ed avrebbero cercato di ridurre al minimo le difficoltà che si sono verificate nell’ultimo weekend.

di Enrico Duratorre