Eccellenza: Al Carafa non si passa, Minturno stoppa Ciampino 2-2

MINTURNO – Era una sfida impari sulla carta, la prima della classe, tutte vinte tranne un pareggio e una sconfitta, contro chi l’anno scorso s’è salvato all’ultimo respiro e che punta alla salvezza tranquilla nonostante il gran lavoro fatto da Pernice e i suoi durante le prime 11 partite di campionato. Eppure il sentore che fosse possibile fare risultato c’era, perchè a pensarci bene, l’unica sconfitta il Ciampino l’aveva subita proprio contro una squadra del territorio, l’Itri di mister Parisella. Insomma, tante sensazioni e tante suggestioni, aggiungiamoci pure che il team di Mancinelli si sta imponendo da neopromossa, abbiamo il quadro completo di una partita potenzialmente bellissima. E lo è stata, una partita che è iniziata in sordina, con la capolista quasi spiazzata dall’ordine del Minturno nei primi minuti che passano nella più classica delle fasi di studio. L’incontro si sblocca al 22′ con il primo degli episodi dubbi di questa gara: sugli sviluppi di un calcio piazzato, Lalli controlla al limite dell’area e calcia a giro sul primo palo, Cenerelli si tuffa, tocca, la palla finisce sul palo e prende un giro strano, dopo il quale danza sulla linea di porta. Fabio de Dominicis della sezione di Pescara esita, ma il guardalinee indica il centro del campo, il direttore di gara si convince e convalida l’uno a zero per la squadra ospite, qualche dubbio rimane, ma la sensazione è che la decisione sia giusta, il pallone dovrebbe aver rimbalzato oltre la linea, dopo il giro sul palo, per poi essere abbrancata da Cenerelli. Insomma, vantaggio Ciampino che ha l’occasione di raddoppiare su un tiro ancora di Lalli, ancor da fuori, ancora di sinitro, ma Daniele Cenerelli vola a strappare quasi il pallone dalla porta. Il primo tempo si chiude con il Campino che sembra in condizione di offendere il Minturno abbastanza da intimorirla e costringerla alla sconfitta, ma i secondo 45′ minuti invece vedono proprio la squadra di Pernice lasciare il fioretto e prendere la mazza chiodata, perchè diventa battaglia vera, tanto che al 60′ Cenerelli raccoglie una palla sporca, frutto di un rimpallo e molto defilato sulla destra in area di rigore piazza il diagonale che infila Peri sul secondo palo e riporta la situazione in parità. A questo punto le due squadre danno tutto quello che hanno a caccia del gol risolutivo, ancora due interventi miracolosi di Cenerelli (al 68′ su conclusione ravvicinata di Moisa; al l’80’ sul tiro di Tornatore che, deviato dal portiere, si stampa sulla parte alta della traversa) che fanno fa cornice agli altri nei della guida arbitrale: due rigori non concessi al Minturno (il primo, pare, abbastanza netto, con Sica trattenuto e messo giù in area sulla battuta di un corner) ed il gol che cambia nuovamente il parziale, quando Tornatore impatta di testa l’angolo di Panella che però aveva posizionato il pallone ben oltre lo spicchio designato. Come se non bastasse, ad inferocire il pubblico del Caracciolo-Carafa-Conte arriva anche l’espulsione di Martino, cambio azzeccatissimo di Pernice, che dopo aver subito fallo (con tanto di ammonizione di Panella) si vede sventolare sotto il naso il cartellino rosso, probabilmente per qualche parola di troppo rivolta alla terna arbitrale. Insomma, fumo nero, nerissimo, che svanisce in un lampo: cross di Tomassi sulla battuta del suddetto calcio di punizione, spizzata di Mallozzi appena entrato e rete, pareggio al 92′. Di li a poco l’arbitro fischia la fine e, senza soffermarci troppo a parlare della direzione di gara, francamente incerta, quasi presa alla sprovvista, in una parola, rivedibile, abbiamo da commentare un pareggio giusto, in cui il Ciampino ha mostrato tutte le sue qualità, un attacco forte, uno schema di gioco compatto, un sistema molto semplice e tremendamente efficace, che la tengono comunque in testa al campionato dopo la 12 giornata di Eccellenza; e dove il Minturno strappa un punto meritatissimo, stoppa la caplista dopo 4 vittorie consecutive ed inanella il terzo risultato utile di fila dopo le vittorie contro l’Itri e a Pomezia, insomma, grande prova per Sica e compagni che continuano a mettere punti in cascina per rendere l’obiettivo della salvezza sempre più a portata di mano…poi…chissà!

 

MINTURNO – 1.Cenerelli D.; 2.Conte M.; 3.Lucignano; 5.Sica; 6.Montana (18.Martino); 7.Conte A. (13.Mallozzi); 8.Tomassi; 9.Cenerelli S.; 10.Venerelli (15.Gatti); 11.Signore. ALL: Pernice.
A disp: 12.Ianniello; 14.Saltarelli; 16.Scippa; 17.Aquilone.

CIAMPINO – 1.Perni; 2.Tamburlani; 3.Cassetti; 4.Martinelli; 5.Carnevali; 6.Citro; 7.Moisa (12.D’Avino); 8.Panella; 9.Tornatore (13.Asci); 10.Lalli (18.Guarnieri); 11.Pedrocchi. ALL: Mancinelli.
A disp: 12.Ferenderes; 14.Federico; 15.Valentini; 16.Turmalaj.

RETI: 22′-Lalli; 60′-Cenerelli S.; 86′-Tornatore; 92′-Mallozzi.
AMMONITI: Cenerelli D.; Sica; Carnevali; Cenerelli S.; Lucignano; D’Avino.
ESPULSI: Martino.

Gli ultimi post su Facebook di Telegolfo

I commenti sono bloccati.