Fondi: Un vicolo della Giudea intitolato a Gaetano Carnevale: venerdì 18 febbraio la cerimonia

È stato tra i promotori dell’intitolazione del largo ubicato nel cuore della Giudea al rabbino capo Elio Toaff contribuendo, con le sue ricerche e i suoi studi, a ricostruire e promuovere la storia dell’antico quartiere ebraico della città: questa una delle motivazioni che hanno portato il Comune di Fondi, accogliendo la proposta dell’Associazione di servizi culturali “Confronto”, a dedicare una strada al compianto concittadino Gaetano Carnevale. La scelta, in virtù dell’adiacenza al luogo che più di ogni altro ha ispirato gli scritti e le ricerche dello studioso, giornalista e storico di Fondi, è ricaduta sull’ex vico Aurilio Rufo. La cerimonia di intitolazione si terrà venerdì 18 febbraio alle ore 11:00 e vedrà la presenza di Emilio Drudi, giornalista, già vice capo redattore della Cronaca di Roma del “Messaggero” nonché autore di diverse pubblicazioni sulla storia e sulla religione ebraica. Prenderanno parte all’evento di intitolazione il sindaco di Fondi Beniamino Maschietto, l’assessore al settore Demoanagrafico Santina Trani, rappresentanti della Comunità Ebraica di Roma e una delegazione di studenti. Gaetano Carnevale, scomparso nel 2017, oltre ad essere stato per anni corrispondente del Messaggero Latina, è stato infatti anche docente delle scuole medie e superiori dedicando la sua vita, non solo a studiare e riscoprire le origini della città, ma anche a trasmettere ad alunni e conoscenti l’amore e la passione per la storia con lezioni ad oggi ricordate con affetto e compartecipazione da centinaia di cittadini, ex studenti dell’istituto “Enrico Amante”.

«Di lui – ricorda l’Associazione “Confronto” nella richiesta di intitolazione – restano il grande interessamento alla città, i suoi scritti, le sue pubblicazioni storiche. È stato colui che ha inculcato in tutti noi l’amore per il quartiere ebraico: della Giudea conosceva angoli, storia e prospettive. Fu inoltre amico fraterno di Elio Toaff che più volte ha invitato a Fondi e al quale, ben prima dell’intitolazione del largo simbolo e cuore della Giudea, furono consegnate nel 1983 le chiavi della città. Gaetano Carnevale è stato anch’egli un protagonista della storia della Giudea e ora finalmente la città lo ricorda con un toponimo».  

«Prosegue il progetto, iniziato ormai diversi anni fa – commentano il sindaco Beniamino Maschietto e l’assessore al settore Demoanagrafico Santina Trani – di denominazione di strade, piazze ed edifici pubblici a personaggi illustri della città, al fine di onorarne la memoria. È con piacere e compartecipazione che abbiamo quindi condiviso la proposta pervenuta dall’associazione “Confronto”. Il professor Carnevale, come lo ricordano in tanti, è stato infatti il primo studioso della presenza ebraica a Fondi, avendo apportando un contributo determinante per la valorizzazione della Giudea e alla successiva realizzazione del Museo».

Le motivazioni alla base della denominazione in forma integrale 

Nato a Fondi l’8 Febbraio 1937 e laureato in Lettere Moderne all’Università “La Sapienza” di Roma, Gaetano Carnevale ha svolto la professione di insegnante facendosi apprezzare da generazioni di studenti per competenza, doti didattiche, dedizione e profonda umanità. Nel 1963 è stato tra i fondatori e in seguito tra i maggiori animatori del Circolo Universitario di Fondi, con cui ha organizzato dibattiti, conferenze e proiezioni cinematografiche. Giornalista pubblicista, dal 1964 è stato, per oltre cinquant’anni, corrispondente del quotidiano “Il Messaggero”. Ha contribuito alla nascita di giornali di interesse locale, quale “Dibattito”, e di ambito scolastico, come “Giornalisti tra i banchi”, le cui pubblicazioni sono continuate per anni anche dopo essere andato in pensione per raggiunti limiti d’età. La sua eredità intellettuale è custodita nelle migliaia di articoli e nei numerosi studi che nel corso dei decenni ha dedicato a Fondi, soprattutto alla presenza ebraica, di cui è stato il primo studioso, contribuendo alla scoperta e alla valorizzazione del “quadrante nord-est del pomerio italico-romano”, la cui memoria si era ridotta al solo toponimo di Giudea, anche grazie al rapporto di profonda stima e amicizia che instaurò con il Rabbino Capo della Comunità Ebraica di Roma Elio Toaff, al quale il 10 Ottobre 1983 furono consegnate le chiavi della città. Nel 1975 pubblicò le prime notizie sulla comunità israelitica fondana su “La rassegna mensile di Israel”, cui seguirono i libri “La Giudea di Fondi” (1981, 1997²), “La terra dei Kittim. Presenze ebraiche a Fondi e nella provincia pontina” (2005) e il saggio “La Giudea di Fondi” pubblicato nel volume “Museo Ebraico di Fondi. Memoria e testimonianze” (2015). Alla storia della sua città natale ha dedicato numerose pubblicazioni: “Un po’ di Fondi – Avvenimenti, rievocazioni, personaggi attraverso i resoconti del Messaggero” (1986), “Castello o fortezza? Una guida per rivivere le vicende storiche del fortilizio fondano” (1992), “Exsiccato Agro / Bonificata la pianura – Visita pastorale del 1768 del vescovo di Fondi Giovanni Calcagnini” (1993), “I cunti – Leggende e racconti di Fondi” (1994), “Fondi – Guida turistica” (1999), “L’Exultet di Fondi nelle miniature di padre Agostino Maria Latil” (2003), “I regesti di San Magno – Rubrica delle carte appartenenti al Monastero di S. Magno di Fondi che si conservano nell’Archivio del Monastero di Monte Oliveto di Napoli fatto nel 1783” (2003), “Architettura dignitosa – Il Liberty di Fondi” (2004), “La donna accovacciata” (2012), “La Primavera del 1963 – Il Circolo universitario” (2013), “Cronache di un giornalista di parte. 1964-2014, 1/2 secolo di avvenimenti di Fondi nelle pagine de Il Messaggero” (2015), oltre ad aver favorito nel 2008 la riproduzione in tela dell’Exultet di Fondi, rotolo liturgico la cui produzione è collocabile ai primi decenni del XII secolo. E’ stato anche autore di una ricerca sui Veneti nella Piana di Fondi, pubblicata dall’Archivio di Stato di Latina in “Ebdomada 2001 – Palinsesti per la società di oggi, Atti della III settimana per la cultura” (2001) e del libro “La Stampa di Torino e il fascismo. Corsi e ricorsi della storia” (2011). Amico carissimo del regista Giuseppe De Santis, curò con le Scuole Medie Statali di Fondi il volume “Caro Peppe,” edito dal Comune di Fondi nel 1999, e fu autore del saggio “Il territorio di Fondi da Giorni d’amore a oggi” pubblicato nel volume “Giorni d’amore. Un film di Giuseppe De Santis tra impegno e commedia” (2004). Nella nota introduttiva al suo ultimo libro “Marmi, Ori, Argenti e Legno: Un patrimonio dimenticato di Fondi” (2017), dedicato al ricco patrimonio scultoreo, archeologico, pittorico e architettonico della sua città e presentato poche settimane dopo la sua scomparsa, Gaetano Carnevale aveva auspicato che quell’opera di divulgazione potesse raggiungere “la mente e il cuore di una comunità inconsapevole di avere tanta ricchezza, dalla quale si potrebbero ricevere benefici di elevazione culturale e civile, ma anche occasioni occupazionali e di attività economiche”. Questo buon auspicio di divulgazione e conoscenza del territorio è in parte già realizzato grazie al Museo Ebraico, situato proprio nel quartiere da lui scoperto, che ha contribuito ad incrementare il turismo nella nostra città. È morto a Fondi il 18 Febbraio 2017.