Formia: Associazione Incontri e Confronti. Corso di un webinar. Invecchiamento della popolazione. Le proposte centro CONI per le attività motorie, il nuovo Ospedale del Golfo e aree industriali dismesse, possibile sinergia per dotare il territorio di servizi per la terza età.

Un invecchiamento marcato della popolazione del golfo è il quadro che emerge dall’analisi dei dati ISTAT presentati nel corso di un webinar tenuto dall’Associazione Incontri e Confronti di Formia.

Il parametro che lo misura è l’indice di vecchiaia, inteso come rapporto tra la popolazione maggiore di 65 anni e la popolazione compresa tra zero e 14 anni.

Gli indici di vecchiaia dei comuni primeggiano nella classifica provinciale e quello di Gaeta, in particolare, è il più alto in assoluto tra i comuni con più di cinquemila abitanti.

L’invecchiamento del golfo colpisce in misura maggiore che altrove perché sono andati via tantissimi giovani in possesso di titolo di studio elevato. Essi ambiscono ad occupazioni dignitose, perciò se ne vanno.  Il territorio non riesce a trattenerli, ad offrire loro opportunità qualificanti.

 La parte del webinar che ha trattato l’invecchiamento della popolazione ha preso spunto da quanto sopra detto ed ha cercato di rispondere alla domanda: come si attrezzano i comuni per farvi fronte?

L’invecchiamento della popolazione spesso viene visto come un problema per la società moderna. Esso può trasformarsi invece in opportunità per il territorio e per le giovani generazioni in cerca di lavoro.

Partendo da due eccellenze del territorio, il centro CONI per le attività motorie e (in prospettiva) il nuovo Ospedale del Golfo, e dalla presenza di alcune aree industriali dismesse, si è cercato di individuare tra di esse una possibile sinergia per dotare il territorio di servizi per la terza età.   Si tratta di sviluppare un indotto virtuoso nel campo della prevenzione e della riabilitazione post ospedaliera, specialmente nella popolazione anziana.

Le proposte avanzate riguardano

  1. la riconversione dell’area ex D’Agostino in servizi e residenze per la terza età, vista anche la sua centralità rispetto al tessuto urbano e alla vicinanza con il previsto parco delle cave;
  2. la riconversione dell’area ex Salid in centro medico specialistico per le patologie legate ai problemi della terza età (prevenzione, riabilitazione motoria e post ospedaliera…)
  3. la nascita nell’area industriale di Penitro di un distretto in grado di produrre ausili per la deambulazione (protesi, tutori……) e prodotti paramedici per la terza età.

REGIONE LAZIO

Direzione: SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA
Area: PATRIMONIO E TECNOLOGIE

DETERMINAZIONE – GSA (con firma digitale)

N. del Proposta n. 3705 del 19/02/2021
Oggetto:

Proponente:
Estensore STELLA GIUSEPPE ___firma elettronica
Responsabile del procedimento STELLA GIUSEPPE ___firma elettronica
Responsabile dell’ Area L. LE ROSE ____firma digitale__
Direttore Regionale M. ANNICCHIARICO ____firma digitale__

Firma di Concerto
L. 11/12/2016, n. 232 – Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2017 e bilancio pluriennale per il triennio
2017-2019 – art. 1 Commi 602 e 603 – investimenti in iniziative urgenti di elevata utilità sociale nel campo dell’edilizia
sanitaria, anche con riferimento alle sinergie tra i servizi sanitari regionali e l’INAIL – ASL di Latina – Approvazione dello
Studio di Fattibilità per la “Realizzazione di un nuovo Ospedale nel sud Pontino ” Nuovo Ospedale del Golfo” – Importo
finanziamento: € 85.000.000,00.

Pagina 1 / 6 Richiesta di pubblicazione sul BUR: NO
G01823 22/02/2021

OGGETTO: L. 11/12/2016, n. 232 – Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario
2017 e bilancio pluriennale per il triennio 2017-2019 – art. 1 Commi 602 e 603 – investimenti in
iniziative urgenti di elevata utilità sociale nel campo dell’edilizia sanitaria, anche con
riferimento alle sinergie tra i servizi sanitari regionali e l’INAIL – ASL di Latina –
Approvazione dello Studio di Fattibilità per la “Realizzazione di un nuovo Ospedale nel sud
Pontino – Nuovo Ospedale del Golfo” – Importo finanziamento: € 85.000.000,00.

IL DIRETTORE REGIONALE

SU proposta della Dirigente dell’Area Patrimonio e Tecnologie
VISTA la Legge Costituzionale 18 ottobre 2001, n.3;
VISTO lo Statuto della Regione Lazio;
VISTA la Legge Regionale 18 febbraio 2002, n. 6 e successive modificazioni “Disciplina del
sistema organizzativo della Giunta e del Consiglio e disposizioni relative alla dirigenza ed al
personale regionale”;
VISTO il Regolamento Regionale 6 settembre 2002, n. 1, recante “Regolamento di organizzazione
degli uffici e dei servizi della Giunta regionale” e successive modifiche ed integrazioni;
VISTO il D. Lgs. 23 giugno 2011, n. 118: “Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi
contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma
degli articoli 1 e 2 della Legge 5.5.2009, n. 42” e successive modifiche;
VISTO l’art. 10, comma 3 lettera a e b) del D.Lgs. n. 118/2011 che autorizza l’assunzione di
impegni pluriennali;
VISTA la Legge Regionale 12 agosto 2020, n. 11, recante: “Legge di contabilità regionale”;
VISTO il Regolamento Regionale 9 novembre 2017, n. 26, recante: “Regolamento regionale di
contabilità”;
VISTA la Legge Regionale 30 dicembre 2020, n. 25, recante “Legge di stabilità regionale 2021”;
VISTA la Legge Regionale 30 dicembre 2020, n. 26, recante “Bilancio di previsione finanziario
della Regione Lazio 2021-2023”;
VISTA la Deliberazione della Giunta regionale 30 dicembre 2020, n. 1060 “Bilancio di previsione
finanziario della Regione Lazio 2021-2023. Approvazione del “Documento tecnico di
accompagnamento”, ripartito in titoli, tipologie e categorie per le entrate ed in missioni, programmi,
titoli e macroaggregati per le spese”;

Pagina 2 / 6

Atto n. G01823 del 22/02/2021

VISTA la Deliberazione della Giunta regionale 30 dicembre 2020, n. 1061 “Bilancio di previsione
finanziario della Regione Lazio 2021-2023. Approvazione del “Bilancio finanziario gestionale”,
ripartito in capitoli di entrata e di spesa ed assegnazione delle risorse finanziarie ai dirigenti titolari
dei centri di responsabilità amministrativa”;
VISTO l’articolo 30, comma 2, del R.R n. 26/2017, laddove “nel rispetto delle disposizioni di cui
all’articolo 56, comma 6, del D.lgs. n. 118/2011 e successive modifiche e del principio contabile
applicato concernente la contabilità finanziaria di cui all’allegato n. 4/2 del citato decreto
legislativo, per ogni provvedimento che comporta l’assunzione di un impegno di spesa, a valere sul
bilancio annuale e pluriennale, deve essere predisposto il piano finanziario di attuazione, e le sue
eventuali rimodulazioni, nel quale è indicato, dettagliatamente, il cronoprogramma degli impegni e
dei pagamenti”;
VISTA la Deliberazione della Giunta Regionale 26 gennaio 2021, n. 20 concernente: “Disposizioni
e indirizzi per la gestione del bilancio regionale 2021-2023 e approvazione del bilancio reticolare, ai
sensi degli articoli 30, 31 e 32, della legge regionale 12 agosto 2020, n. 11;
VISTA la deliberazione della Giunta regionale 25 febbraio 2020, n. 68, concernente: “Bilancio di
previsione finanziario della Regione Lazio 2020-2022. Assegnazione dei capitoli di spesa alle
strutture regionali competenti, ai sensi dell’articolo 3, comma 2, lettera c) della legge regionale 27
dicembre 2019, n. 29 e dell’articolo 13, comma 5, del regolamento regionale 9 novembre 2017, n.
26”;
VISTA la deliberazione della Giunta regionale 24 novembre 2020, n. 871, recante: “Ricognizione
nell’ambito del bilancio regionale delle entrate e delle uscite relative al finanziamento del servizio
sanitario regionale, ai sensi dell’art. 20, comma 1, del D. Lgs n. 118 del 23 giugno 2011 e s.m.i. –
Perimetro Sanitario – Esercizio Finanziario 2020.”;
VISTO il DCA del 30 dicembre 2015, n. U00606, recante: “Attuazione dei programmi operativi
2013-2015 approvati con il DCA n. U00247/14, come successivamente modificati ed integrati, tra
l’altro, dal DCA n. U00373/15. Istituzione delle AA.SS.LL. “Roma 1” e “Roma 2”. Soppressione
delle AA.SS.LL. “Roma A”, “Roma B”, “Roma C”, “Roma E”. Ridenominazione delle AA.SS.LL.
“Roma D” come “Roma 3”, “Roma F” come “Roma 4”, “Roma G” come “Roma 5” e “Roma H”
come “Roma 6””;
VISTA la Determinazione dirigenziale del 8 febbraio 2016, n. G00860, recante: “Ridenominazione
nel Sistema Informativo Regionale Integrato Procedimenti Amministrativi (S.I.R.I.P.A.) delle
AA.SS.LL. secondo quanto stabilito dal DCA U00606 del 30 dicembre 2015 e conseguenti
adempimenti relativi al S.I.R.I.P.A. per la piena attuazione dello stesso decreto”;
VISTO il DCA del 20 gennaio 2020 n. U00018, concernente: “Adozione in via definitiva del piano
rientro “piano di riorganizzazione, riqualificazione e sviluppo del Servizio Sanitario regionale 2019-
2021 ai sensi e per gli effetti dell’art. 2, comma 88 della L, 191/2009, secondo periodo. Modifiche
ed integrazioni al DCA U00469 del 14 novembre 2019 in esito al verbale del Tavolo di verifica del
27 novembre 2019”;

Pagina 3 / 6

Atto n. G01823 del 22/02/2021

VISTA la deliberazione della Giunta regionale 21 gennaio 2020, n. 12, recante: “Presa d’atto e
recepimento del “Piano di rientro Piano di riorganizzazione, riqualificazione e sviluppo del Servizio
Sanitario Regionale 2019-2021 ai sensi e per gli effetti dell’art. 2, comma 88 della L. 191/2009,
secondo periodo”, adottato in via definitiva con il Decreto del Commissario ad acta n. U00018 del
20.01.2020 ai fini dell’uscita dal commissariamento”;
VISTO l’Atto di organizzazione n. G02641 del 10.03.2020 relativo all’affidamento di incarico di
dirigente dell’Area Patrimonio e Tecnologie della Direzione Regionale Salute e Integrazione
Sociosanitaria all’ing. Lucrezia Le Rose;
VISTA la deliberazione della Giunta regionale del 30 dicembre 2020, n. 1044 con la quale è stato
conferito l’incarico di Direttore della Direzione regionale Salute e integrazione sociosanitaria al
dott. Massimo Annicchiarico;
VISTA la L. 11 dicembre 2016, n. 232: “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario
2017 e bilancio pluriennale per il triennio 2017-2019”;
TENUTO CONTO che la legge di bilancio 2017 di cui al punto precedente, all’art. 1, commi 602 e
603 definisce che “Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, da adottare entro il 30
giugno 2017, su proposta del Ministro della salute, di concerto con il Ministro del lavoro e delle
politiche sociali, sono individuate le iniziative urgenti di elevata utilità sociale nel campo
dell’edilizia sanitaria, anche con riferimento alle sinergie tra i servizi sanitari regionali e l’INAIL,
valutabili da quest’ultimo ente nell’ambito dei propri piani triennali di investimento
immobiliare.”;
TENUTO CONTO che con DCA U00109 del 6 aprile 2017 la Regione Lazio ha approvato la
proposta di ripartizione dei fondi di cui all’art. 1 commi 602 e 603 della legge 232/2016;
TENUTO CONTO che con DPCM del 24 dicembre 2018 è stato ratificato il riparto del fondo per il
Lazio nell’ambito del piano triennale di investimenti dell’INAIL per l’importo complessivo di €
286.776.348,00 e per la realizzazione, tra l’altro, dei seguenti interventi:
Estratto da: DPCM del 24 dicembre 2018 – Allegato A –

Azienda Descrizione intervento Importi (in euro)
ASL LATINA Realizzazione di un nuovo Ospedale nel sud Pontino – Nuovo

Ospedale del Golfo 75.000.000,00
CONSIDERATO che con nota n. 465188 del 18/06/2019 la Regione Lazio ha richiesto alla Asl di
Latina lo studio di fattibilità, predisposto ai sensi del DPR 207/2010 art. 14 comma 1, per la
“Realizzazione Nuovo Ospedale del Golfo”;
CONSIDERATO che con note n. 23548 del 28/06/2019 e n. 31085 del 16/09/2019 la Asl di Latina
ha trasmesso la relazione tecnica descrittiva dell’intervento per la “Realizzazione di un Nuovo
Ospedale del sud Pontino – Nuovo Ospedale del Golfo”, per un importo complessivo di €
85.000.000,00, secondo il quadro economico di seguito riportato:

Pagina 4 / 6

Atto n. G01823 del 22/02/2021

Lavori
Lavori € 45.287.600,00
oneri della sicurezza € 905.752,00
€ 46.193.352,00
viabilità € 9.000.000,00
sistemazioni esterne € 6.500.000,00
sommano lavori € 61.693.352,00

Somme a disposizione
spese tecniche € 5.500.000,00
IVA € 8.159.335,20
imprevisti e spese generali € 8.783.605,87
incentivi art. 113 del D.lgs 50/2016 € 863.706,93
sommano € 23.306.648,00
Totale € 85.000.000,00

CONSIDERATO che con nota n. 736370 del 18/09/2019 la Regione Lazio, a riscontro della nota n.
8296 del 8 agosto 2019 con la quale il Ministero della Salute chiedeva conferma degli interventi di
edilizia sanitaria inseriti nell’Allegato A al D.P.C.M. del 24 dicembre 2018, ha richiesto la
rimodulazione dell’intervento “Realizzazione di un nuovo Ospedale nel sud Pontino – Nuovo
Ospedale del Golfo” per l’importo di € 85.000.000,00, ad invarianza dell’importo complessivo di €
286.776.348,00 di cui al nell’Allegato A al D.P.C.M. del 24 dicembre 2018 sopra richiamato;
CONSIDERATO che con nota n. 54727 del 17/07/2020 la Asl di Latina ha trasmesso lo Studio di
Fattibilità dell’intervento per la “Realizzazione di un Nuovo Ospedale del sud Pontino – Nuovo
Ospedale del Golfo” e la delibera di approvazione n. 821 del 13/07/2020, per un importo
complessivo di € 85.000.000,00, secondo il quadro economico di seguito riportato:

Lavori
costruzione ospedale € 70.028.154,50
sistemazioni esterne € 2.000.000,00
sommano € 72.028.154,50
oneri della sicurezza € 936.000,00
totale lavori € 72.964.154,50

Somme a disposizione
spese tecniche € 3.000.000,00
IVA lavori e spese tecniche € 7.956.415,45
imprevisti e spese generali € 349.788,50
ex art. 113 del D.lgs 50/2016 € 729.641,55
sommano € 12.035.845,50
Totale € 85.000.000,00

TENUTO CONTO che il Nucleo di Valutazione Regionale, nella seduta del 12/11/2020, esaminata
la documentazione trasmessa, ha espresso parere favorevole allo studio di fattibilità presentato;

Pagina 5 / 6

Atto n. G01823 del 22/02/2021

RITENUTO OPPORTUNO, nelle more del completamento dell’iter ministeriale per la
rimodulazione descritta dalla Regione Lazio nella nota n. 736370/2019 sopra richiamata, nonché
nelle more dell’emanazione del nuovo decreto di riorganizzazione della rete ospedaliera, approvare
in linea tecnica lo Studio di Fattibilità per la “Realizzazione di un Nuovo Ospedale del sud Pontino
– Nuovo Ospedale del Golfo” per l’importo complessivo di € 85.000.000,00, come da quadro
economico sopra riportato;
RITENUTO OPPORTUNO, inoltre, trasmettere al Ministero della Salute lo studio di fattibilità di
cui al punto precedente;
per le finalità espresse in narrativa che si intendono integralmente riportate;

DETERMINA

  • nelle more del completamento dell’iter ministeriale per la rimodulazione descritta dalla
    Regione Lazio nella nota n. 736370/2019 di cui in premessa, nonché nelle more
    dell’emanazione del nuovo decreto di riorganizzazione della rete ospedaliera, di approvare
    in linea tecnica lo Studio di Fattibilità per la “Realizzazione di un Nuovo Ospedale del sud
    Pontino – Nuovo Ospedale del Golfo”, per l’importo complessivo di € 85.000.000,00, come
    da quadro economico di seguito riportato:

Lavori
costruzione ospedale € 70.028.154,50
sistemazioni esterne € 2.000.000,00
sommano € 72.028.154,50
oneri della sicurezza € 936.000,00
totale lavori € 72.964.154,50

Somme a disposizione
spese tecniche € 3.000.000,00
IVA lavori e spese tecniche € 7.956.415,45
imprevisti e spese generali € 349.788,50
ex art. 113 del D.lgs 50/2016 € 729.641,55
sommano € 12.035.845,50
Totale € 85.000.000,00

  • di trasmettere al Ministero della Salute la presente determinazione unitamente allo studio di
    fattibilità per la “Realizzazione di un Nuovo Ospedale del sud Pontino – Nuovo Ospedale
    del Golfo”.

IL DIRETTORE
Massimo Annicchiarico

Gli ultimi post su Facebook di Telegolfo