Formia fuori tra le polemiche, a Roma è solo 0-0

12523871_968116113272480_5907800838892346608_nSe ai quarti era andata bene, in semifinale l’impresa rimonta non è riuscita al Formia di Rosolino a cui non basta lo 0-0 in casa del Real Colosseum per proseguire il proprio cammino in Coppa Italia di Promozione.

Ai romani, autori di una partita per lo più attenta e di difesa del proprio risultato, basta la rete in tap-in di Scerrati all’andata. Formia generoso che ci prova sin da subito: al 4′ è Carfora in girata a mandare a lato, poi nulla fino al 26′ quando Accrachi dalla distanza trova la respinta non impeccabile di Ferronetti. Di Stefano pare pronto a ribadire in rete ma viene anticipato all’ultimo.

Poco dopo la mezzora, l’episodio che avrebbe potuto riaprire tutto: Carfora al 32′ insacca su cross ma, a giudizio dell’arbitro, Brasiello subisce fallo in attacco e dunque è tutto fermo.

All’intervallo, Rosolino si gioca la carta Marciano per Di Stefano, ma è ancora Carfora al 49′ a tentare: il suo tiro dalla distanza frutta solo un angolo ai biancazzurri, che poco dopo (53′) rischiano con Pangrazi che dal limite spedisce alto.

Allo scoccare dell’ora di gioco altro possibile episodio: Sellitti a terra appena in area di rigore, l’arbitro non ha dubbi e lo ammonisce per simulazione. Passano i minuti, il Colosseum prende fiducia e consapevolezza che la finale è a un passo ma il Formia ci prova anche a costo di sbilanciarsi: fuori D’Amora e dentro Di Florio.

Anche Centioni cambia un uomo, con Mariti per Scerrati. E’ però poco prima di questo cambio che ancora Pangrazi lanciato a rete spreca tutto dopo aver saltato un avversario. Al 78′ Marciano impatta bene di testa, ma ancora Ferronetti (decisivo nel doppio confronto) dice di no e blinda il successo. Il Formia butta dentro anche Scariati negli ultimi minuti, ma alla fine è 0-0 e scoppiano le polemiche.

Rosolino viene allontanato, il direttore di gara poi sospende la partita perché uno dei guardalinee viene colpito da un oggetto lanciato dagli spalti (una seconda versione parla di semplici ingiurie senza lancio di alcunchè). Infine, il triplice fischio contestatissimo. Alcuni presenti affermano che il match sia stato dichiarato chiuso prima dello scoccare del 45′ di gioco, il che sarebbe chiaramente un errore madornale della terna arbitrale e potrebbe persino portare alla ripetizione della gara. Altre fonti, in questi primi minuti dalla fine del match, riportano che la sfida sia stata chiusa al 91′ e dunque in conformità coi regolamenti.

L’unica cosa certa è che non è stato segnalato recupero nonostante la pausa, ma questo sta alla discrezionalità arbitrale. Di ulteriori sviluppi proveremo a rendere conto non appena emergeranno dati certi.

Quel che si evidenzia è il passaggio del turno del Real Colosseum, che incontrerà in finale il Lepanto (1-1 col San Michele dopo il 3-0 dell’andata). Brutto dover chiudere in questo modo un doppio confronto tra due squadre attrezzate e gagliarde, che all’andata avevano dato vita ad una bella sfida in riva al Tirreno.

Real Colosseum – Formia 0-0 (agg. 1-0)

Real Colosseum: Ferronetti, Brasiello, Materazzi, De Luca, Commentucci, Cervini, Scerrati (69′ Mariti), Rubino, Pangrazi, Bufalini, Bertarelli A disp: Rampi, Spuntarelli, Pennazzi, Parini, Rocchi, Montecchiari All. Centioni

Formia: Fiorenza, Carginale, D’Amora (66′ Di Florio), Volpe, Formisano, Villacaro, Carfora, Foti, Accrachi, Sellitti (86′ Scariati), Di Stefano (46′ Marciano) A disp: Beneduce, Pizza, Esposito, La Vecchia All. Rosolino

Arbitro: Di Francesco (Ostia Lido)

Assistenti: Santostefano (Viterbo) e Duca (Ciampino)

Ammoniti: Cervini, Rubino, Bufalini (C), Sellitti, Foti (F)

Espulsi: Rosolino (F)

Luca Masiello

Gli ultimi post su Facebook di Telegolfo

I commenti sono bloccati.