Formia: Giornata internazionale delle persone con disabilità, cosa si sta facendo nel Comune di Formia con l’idea che ancora tanto si può fare

La giornata internazionale delle persone con disabilità è occasione per ricordare che tutti i giorni bisogna adoperarsi per migliorare la qualità della vita delle persone disabili. Deve essere anche un momento per fare bilanci su ciò che è stato fatto e su ciò che ancora c’è da fare e ciò che è in essere.

Possiamo dire che il settore Servizi Sociali del Comune di Formia ha garantito il servizio di assistenza educativa scolastica agli alunni diversamente abili frequentanti la scuola dell’infanzia, scuola primaria e secondaria di 1°grado dei tre istituti comprensivi, circa 60 alunni, oltre ad aver assicurato la didattica a distanza qualora questi alunni siano impossibilitati a svolgere l’attività in presenza, così come il servizio di trasporto scolastico a chi ne abbia fatto richiesta, l’acquisto di ausili protesici per garantire la frequenza scolastica ed infine ma non meno importanti 3 progetti di servizio civile, che nella sua rimodulazione a causa dell’emergenza COVID, hanno consentito ai volontari il potenziamento del servizio di assistenza scolastica offrendo supporto a 32 alunni. Uno dei progetti garantisce attualmente un’assistenza a disabili adulti.

Inoltre è attivo il servizio di trasporto scolastico per disabili, attualmente erogato a favore di n. 6 alunni disabili frequentanti le scuole dell’infanzia, primarie e medie

Non mancano contributi comunali ai Centri Diurni presenti sul territorio frequentati da persone diversamente abili adulte, circa 25 persone residenti nel nostro Comune.

Ancora il supporto diretto attraverso la consulenza e la massima pubblicizzazione e diffusione della domanda per agevolarela partecipazione alle varie progettualità distrettuali, inerenti la disabilità gravissima, attraverso per esempio un progetto alla sua 3° annualità, che riconosce un contributo economico, tra i 700 e 800 euro mensili, per prestazioni rese da personale qualificato e anche per offrire supporto alla figura del care giver familiare cioè alla persona che quotidianamente si occupa della vita, del corpo e degli ambienti in cui vivono i congiunti non autosufficienti. Beneficiari sono 24 persone sui 50 dell’intero distretto.

Sono attivi altri contributi a sostegno di persone non autosufficienti, sia per assistenza domiciliare diretta e indiretta, anche della durata di 24 ore, sia come budget di sollievo al care giver familiare, per importi dai 2.000 ai 5.000 euro una tantum che vedono coinvolte 10 beneficiari del nostro Comune.

Altri contributi dovrebbero arrivare come quelli relativi al progetto a sostegno delle famiglie con minori con disturbo dello spettro autistico. Tale sostegno, inteso come contributo alle spese per trattamenti riabilitativi, prevede un importo massimo di euro 5.000 e vede coinvolte 8 famiglie formiane.

Ad oggi è attivo ed è possibile partecipare fino al giorno 18 dicembre al bando “Vita indipendente” rivolta a persone con disabilità, con progetti finalizzati al raggiungimento di un maggior livello di autonomia e esperienza di vita autonoma.

I requisiti di accesso sono condizione di disabilità certificata ai sensi dell’art. 3 comma 3 L.104/92 – Disabilità adulta 18/64 anni.

È attiva da diversi anni la consulta sulla disabilità con cui molto si può dare in ottica di una crescita continua che sia di carattere propositivo e realmente costruttivo.

Ovviamente questo è solo una parte di tutto quello che viene fatto affinchè siano garantiti a ogni individuo senza distinzioni di sorta i propri diritti, ma ancora molto c’è da fare.

RispondiRispondi a tuttiInoltra