FORMIA – Giro di vite antievasione. Per evitare sanzioni più pesanti c’è il “ravvedimento operoso”

Le 3C Minturno”Tutto per la scuola” tel 3806477415

Facebooktwitter

Pagare tutti per pagare meno. Con l’estensione della raccolta differenziata all’intera città il Comune si prepara a un drastico giro di vite sul fronte della lotta all’evasione. L’attivazione del porta a porta ha determinato la possibilità di censire quante persone effettivamente accedono al servizio di igiene urbana. A Gianola, ultimo quartiere della città ad essere interessato dalla raccolta differenziata dei rifiuti, lo screening effettuato casa per casa ha evidenziato una forte discrepanza tra numero di utenze censite e residenti che, effettivamente, hanno ritirato il mastello. Dai riscontri incrociati risulta che sono ancora molte le abitazioni sconosciute all’ufficio tributi nonostante abbiano le utenze attivate. Significa che il problema dell’evasione esiste e che la soluzione non può più essere rinviata.

“Ci stiamo muovendo – commenta l’Assessore alla Sostenibilità Urbana Claudio Marciano -per scovare gli evasori e fare in modo che paghino. Lo stesso, purtroppo, negli ultimi cinque anni è avvenuto poco e male. Dobbiamo dare una svolta e ora abbiamo gli strumenti per farlo. Venerdì scorso si è riunita una task force composta da dipendenti degli uffici anagrafe, tributi, sostenibilità urbana e edilizia con l’obiettivo di avviare un percorso di condivisione che porti alla interoperabilità del sistema e ad una circolazione più efficace dei dati. La residenza anagrafica e le utenze non domestiche saranno associate ai dati catastali che saranno condivisi dagli uffici anagrafe e tributi. Proprio al fine di garantire uno scambio virtuoso delle informazioni tra i singoli dipartimenti del Comune è stata votata una delibera che intende dotare i vari uffici di un unico software o, comunque, di supporti informatici capaci di dialogare efficacemente tra loro”.

Una possibilità esiste per mettersi in regola senza incappare nelle sanzioni previste in caso di accertamento. La stabilisce la legge e si chiama “ravvedimento operoso”. In base a tale strumento, in via del tutto spontanea, il cittadino può regolarizzare le violazioni ed omissioni tributarie prima che le stesse siano constatate. Versando le rate Tarsu e Tares omesse negli ultimi cinque anni, avrà diritto a sanzioni ridotte del 75% rispetto a quanto pagherebbe in caso di accertamento. Il modulo per aderire è disponibile presso l’ufficio tributi. Nei prossimi giorni la cittadinanza sarà comunque informata con l’affissione di manifesti.

“Invitiamo i cittadini che si trovino in tali condizioni ad aderire allo strumento del ravvedimento operoso – sostiene il Sindaco Sandro Bartolomeo –. L’amministrazione sta facendo il suo, lavorando per migliorare il servizio di igiene urbana, per ridurre i costi e azzerare gli sprechi. La Tares pesa sull’economia della famiglie e delle attività produttive. Ma affinché si possa procedere ad un taglio dei tributi c’è bisogno di ampliare la fascia dei contribuenti. Non è giusto, né accettabile che paghino sempre gli stessi. Tutti devono offrire il loro contributo per la collettività. L’evasore – conclude – non vuole bene alla città”.