Formia: INSIEME AL FANGO, LA PIOGGIA HA PORTATO DI NUOVO I FILTRINI SULLE SPIAGGE

Oggi pomeriggio diversi punti di raccolta per i FILTRINI che ormai da qualche anno hanno invaso le nostre spiagge, il mare, le pinete e le scogliere, mettendo in serio pericolo l’ecosistema marino e la nostra qualità della salute e della vita.

Dopo un lungo e dettagliato esposto presentato dall’Associazione Un’Altra Città alle Procure di Latina e Cassino, si è aperta una inchiesta per comprendere i responsabili di tale scempio. Ad oggi c’è stata “solo” una diffida al gestore ACQUALATINA a bonificare le spiagge coinvolte.

Le piogge dei giorni scorsi hanno riversato oltre al fango, nuovamente altri FILTRINI neri sul nostro litorale.

Seguendo i FILTRINI si è risalito il Rio Pontone arrivando al depuratore di Itri e lì si ci è fermati…

Tante le segnalazioni e le raccolte avviate da cittadini ed associazioni, sulle spiagge di Scauri, Gianola, Vindicio, Serapo, Sant’Agostino…qualche segnalazione arrivata anche dal Salto di Fondi (di cui alleghiamo la locandina di oggi per la raccolta della plastica con i FILTRINI in bella vista).

In diversi ci hanno chiesto che cosa si può fare?

1. Armati di guanti e busta scendete giù in spiaggia, una qualsiasi tra quelle menzionate, e raccogliete più FILTRINI possibili. In poco tempo se ne raccolgono tanti.

2. Se frequentate o abitate in altre aree a noi limitrofe esempio Baia Domizia, Mondragone, Baia Felice…segnalateci se i FILTRINI sono arrivati anche lì e documentatelo con una foto georeferenziata.

3. Portateci i FILTRINI raccolti, vi aspettiamo oggi

🔷 dalle 17.00 alle 19.00 presso la nostra sede a Via della Conca, 57 Formia;

🔷 dalle 16.00 alle 17.00 presso la spiaggia di Scauri (terrazza di fronte le Sieci)

🔷 dalle 16.00 alle 17.00 presso la spiaggia di Gianola (piazzale Guerriero) in Formia

🔷 dalle 16.00 alle 17.00 presso la spiaggia di Serapo ( Palamarina) in Gaeta.

Continueremo a seguire questa vicenda documentando gli sviluppi. Ricordiamo che i FILTRINI sono usati nei depuratori urbani di vecchia generazione, proprio come il depuratore di Itri.

Fonte: Pagina Facebook di Paola Senza Bavaglio Villa

Pubblicità