Formia: Martedì 26 marzo parte la prima fase della disinfestazione

Novità guardaci online in diretta!

Martedì 26 marzo parte la prima fase della disinfestazione sul territorio comunale. Per venire incontro alle richieste da parte degli apicoltori e preservare l’ambiente, il Comune di Formia in collaborazione con la Formia Rifiuti Zero ha deciso di avviare tale fase utilizzando prodotti a basso impatto ambientale e solo in alcune aree.

“Dopo l’annuncio dell’imminente disinfestazione larvicida e adulticida e le diverse richieste di sospensione formulate da alcuni apicoltori del nostro territorio – spiega il sindaco Paola Villa – abbiamo deciso, in accordo con la Formia Rifiuti Zero, che si occupa della disinfestazione, di utilizzare solo il larvicida a basso impatto ambientale, in aree strettamente urbanizzate, procrastinando l’utilizzo degli adulticidi al termine della fioritura a fine maggio. Ovviamente non sarà semplice contenere, soprattutto con questi sbalzi di temperatura, l’infestazione di insetti come zanzare e mosche, ma accogliamo con enorme senso di responsabilità la richiesta degli apicoltori e non solo, che con il loro prodotto rappresentano un’eccellenza del nostro territorio. I larvicidi sono prodotti fitosanitari a rilascio lento e saranno utilizzati nelle date già comunicate”.

“Inoltre – prosegue il sindaco Villa – abbiamo richiesto alla Formia Rifiuti Zero di avviare una campagna di comunicazione per dare all’intera popolazione i consigli e gli strumenti giusti per ridurre sensibilmente la presenza di insetti fastidiosi. Iniziamo tutti con piccoli ma significativi gesti, come quello di non avere all’interno dei propri giardini e terrazzi punti di accumulo e ristagno di acqua che creano ambienti ideali per favorire il ciclo vitale delle zanzare. L’obiettivo è di favorire la diffusione in aree sia pubbliche che private di piante “antizanzara”, come ad esempio la Catambra e la citronella. Questo complicato percorso di risanamento ambientale del nostro territorio lo si affronterà in modo positivo solo se lo si vivrà insieme, collaborando e condividendo”.