Formia: Paola Villa. Che fine hanno fatto i 2,5 Milioni di Euro per la messa in sicurezzsa del Rio Santa Croce (Gianola)?

La Regione Lazio con D.G.R. n.800 del 10/11/2020 ha concesso un finanziamento di €2.504.196,04 all’Amministrazione Provinciale di Latina. Questi soldi, presenti nell’esercizio finanziario 2020 della Regione Lazio, servivano a finanziare le opere per la riqualificazione idraulica e ambientale del Rio Santa Croce nei Comuni di Formia e Minturno

Le opere finanziate DOVEVANO essere affidate alle imprese entro il 31.12.2022 come prescritto dal Decreto legge n.52 del 22/04/2021 ( la scadenza del finanziamento fu estesa per “emergenza Covid-19”).

In data 21/12/2021 la Regione Lazio ha accredidato all’Amministrazione Provinciale un primo importo di €507.610,00 per le spese necessarie all’affidamento dei lavori.

In data 03/03/2022 si é fatto il punto sulla situazione progettuale, convocando presso la sede della provincia di Formia, la commissione provinciale “Sviluppo e tutela del territorio”. All’incontro, presenti il presidente della provincia, Gerardo Stefanelli, l’assessore ai lavori pubblici di Formia, Eleonora Zangrillo e il sindaco di Spigno, Salvatore Vento, i tecnici della provincia hanno presentato il cronoprogramma dell’opera (vedi foto), che prevedeva entro fine marzo 2022, l’affidamento della revisione della progettazione definitiva e della fase esecutiva, ad una societá di ingegneria. Successivamente, l’avvio della gara d’appalto e l’affidamento dei lavori entro il 31.12.2022, pena la perdita dei finanziamenti, nonchè la mancata realizzazione delle opere che consentirebbero di mettere in sicurezza il territorio di Gianola e Santa Croce, da via delle Vigne a via Pilato, da via Madonna delle Grazie a via dell’Edera ; trattasi di zone devastate dal rischio idrogeologico e che spesso vede interi nuclei familiari e intere proprietà messe a riscio inondazione

Più e più volte, in questi ultimi nove mesi, abbiamo chiesto sia in commissione consiliare lavori pubblici sia in Consiglio comunale, notizie in merito alle fasi di avanzamento del cronoprogramma, ma non abbiamo MAI ottenuto risposte, fino ad arrivare all’ultima commissione consiliare, lo scorso 21 dicembre, quando l’assessore Zangrillo ha detto che “a voce” il presidente Stefanelli ha espresso la volontá di chiedere un’ennesima proroga perché “nulla é stato fatto fino a questo momento”. Ora visto che il comune di Formia é rappresentato in provincia addirittura dal presidente del Consiglio Pasquale Cardillo Cupo e perfino dal sindaco Gianluca Taddeo, dovrebbe essere una prorità conoscere ufficialmente lo stato di quei soldi, se concretamente il territorio sarà messo in sicurezza, chiedendo al Presidente della Provincia Stefanelli, di venire a conferire in Consiglio Comunale con dati certi, delibere e determine firmate.

É questione di sicurezza ed incolumitá pubblica per le quali si era lavorato senza sosta dal 2019 al 2020: infatti, come amministrazione lavorammo affinché si finanziassero quei lavori giá progettati nel 2012 ma che andati nel dimenticatoio non furono mai finanziati, fino, appunto al 2020!

Ancora una volta, soldi fermi o non utilizzati per la messa in sicurezza del territorio e l’incolumità dei cittadini.

Pubblicità