FORMIA – Piazzale Aldo Moro, lunedì ripartono i lavori

Il Paese delle meraviglie a Minturno


Lunedì 23 giugno ripartono i lavori per il completamento di piazzale Aldo Moro. L’annuncio è stato dato questa mattina nel corso della conferenza stampa indetta dal Sindaco Sandro Bartolomeo e dall’Assessora ai Lavori Pubblici Elenora Zangrillo.

Costruita sul lastrico solare del parcheggio multipiano delle Poste, il piazzale sarà direttamente collegato a piazza Vittoria con l’eliminazione dei vasconi previsti dal progetto iniziale. Una soluzione fortemente voluta dall’amministrazione comunale per dare continuità spaziale alle due piazze.

Particolare attenzione sarà dedicata ai giovani con aree destinate allo skate  (quattro pedane) e al basket (lunetta e canestro per sfide tre contro tre). Sul lato via Vitruvio, sarà realizzato un info point turistico alle cui spalle saranno installate rastrelliere per bici elettriche. Sullo spigolo che dà su piazza Vittoria, lato mare, sarà installata una grande scacchiera con pedine in resina che raffigureranno i principali siti monumentali di Formia. Per la loro realizzazione sarà presto indetto un concorso di idee.

Oltre all’eliminazione dei vasconi, il nuovo progetto prevede la realizzazione di servizi igienici al piano inferiore (lato ingresso parcheggio) e una fontana a lamina d’acqua che, d’estate, contribuirà a rendere le temperature della superficie meno calde. Trattandosi del lastrico solare di un parcheggio, non possono essere piantati alberi con radici. Vasche con piante e fiori risponderanno all’esigenza di verde. Per l’ombra saranno installati dei teloni. Il pavimento è di ardesia (in piena continuità con piazza Vittoria), ravvivato da luci a led che, di notte, contribuiranno a rendere la passeggiata più luminosa e vivace.

La conferenza stampa è stata anche l’occasione per spiegare i ritardi intercorsi nel completamento dell’opera. “Le somme a nostra disposizione – dichiara l’Assessora ai Lavori Pubblici Eleonora Zangrillo – non erano sufficienti al completamento della piazza. Quando ci siamo insediati, abbiamo deciso di rivedere il progetto per eliminare ogni elemento di discontinuità tra le due piazze. A fine dicembre, la ditta vincitrice, la ‘Iga srl”, ha sottoscritto con il Comune un accordo per il concordamento dei nuovi prezzi. Il 20 dicembre, l’impresa ci ha però comunicato di aver conferito l’aumento di capitale ad un’altra azienda e questo, legge alla mano, ci ha imposto di rifare le procedure. I nuovi Soa e la nuova certificazione antimafia è arrivata solo una quindicina di giorni fa. Tutto compreso – ha spiegato l’Assessora -, la piazza costerà 580 mila euro, coperta in parte da finanziamento regionale e in parte con mutui accesi dal Comune. I tempi? Non saremo precipitosi, per non ripetere lo scempio del parcheggio interrato di Largo Paone che è aperto da un anno e già ci piove dentro. Saremo sul cantiere ogni giorno per verificare che i lavori vengano fatti a regola d’arte. Tra opere di impermeabilizzazione e completamento delle aree giochi, prevedo non meno di due mesi di lavoro”.

“Ieri in giunta abbiamo votato il bilancio di previsione – ha commentato il Sindaco Sandro Bartolomeo -. Formia ha bisogno di opere pubbliche, alcune anche molto importanti, ma soprattutto necessita di una manutenzione puntuale di quanto già realizzato. Provo vergogna ogni volta che entro nel parcheggio interrato di Largo Paone. Sistemiamo per bene quello che abbiamo prima di pensare ad altro genere di opere. E’ una scelta di realismo e buonsenso. La prima cosa sarà attivare i due ascensori nei parcheggi di Largo Paone e Aldo Moro. Eliminare le barriere architettoniche è un obbligo di legge. Tra l’altro, con l’eliminazione delle Province il patrimonio immobiliare scolastico potrebbe tornare in capo al Comune e avere risorse a disposizione sarà fondamentale”.

Si è fatto accenno anche ad altre opere pubbliche in programma per il futuro. “La più importante – ha spiegato Bartolomeo – è la realizzazione del ponte di collegamento tra piazzale Aldo Moro e l’ingresso del Molo Vespucci, dove nascerà una portualità turistica, più grande o minore, la stazione marittima… Come si può pensare che al porto si arrivi attraversando a piedi la litoranea? L’opera costa due milioni di euro. La Regione si è impegnata a finanziarcela”.

Un altro importante obiettivo è il restauro dell’ala ancora fatiscente del palazzo comunale. “Ragioniamo di una cifra importante – spiega Bartolomeo – ma ci sono leggi regionali che consentono l’accesso a finanziamenti per la riqualificazione degli edifici storici. Il progetto definitivo c’è già. Ci consentirebbe di guadagnare enormi spazi ed evitare il depauperamento del patrimonio comunale”.

Poi un annuncio, senz’altro gradito agli abitanti di Castellone: “Il bilancio prevede l’acquisto del locale che si trova al Cancello dove la tradizione vuole che, nella ricorrenza di Sant’Erasmo, si appalesi la macchia di sangue del Santo. Quello è un pezzo del teatro romano. Si vede benissimo la zona sottostante alla cavea. Non è una grossa spesa. Servirà a preservare la tradizione tutelando contemporaneamente l’area archeologica”.

Si è parlato anche delle opere che servono a garantire l’attraversamento di Formia. “La pedemontana è stata cassata definitivamente. Oggi – ha spiegato Bartolomeo – ragioniamo su un progetto molto meno costoso, da 100 milioni di euro, che preveda lo scavalcamento del centro, partendo dalla Salid. Una strada a due corsie che consenta di deviare a monte il traffico di attraversamento. C’è l’interessamento di Regione e Ministero: vediamo”.

Altre opere di manutenzione previste in bilancio sono il tombinamento dell’area di Gianola, il completamento della Formia-Sparanise, la ristrutturazione dei ponticelli in zona Acqualonga che versano in condizioni critiche, interventi sulle scuole, recupero e manutenzione delle ville comunali, il rifacimento della torre di Castellonorato e altro ancora.

le3cshop.com