FORMIA – Pozzo ai 25 Ponti, lunedì partono i lavori per l’allaccio alla rete idrica comunale. 

Le 3C Minturno”Tutto per la scuola” tel 3806477415

Facebooktwitter

Bartolomeo: “Ecco la strada per uscire dall’emergenza”Lunedì 11 settembre i tecnici di Acqualatina realizzeranno le opere per l’allaccio alla rete idrica comunale del campo pozzi attivato in località 25 Ponti. Il primo pozzo garantirà l’immissione in rete di 50 litri al secondo. La portata disponibile aumenterà progressivamente man mano che andranno avanti i lavori per l’attivazione dell’intero campo pozzi. 

Gli interventi di allaccio programmati lunedì richiederanno la sospensione del flusso idrico sull’intero territorio comunale di Gaeta e in alcune zone di Formia (via Canzatora, via Vindicio e via Unità d’Italia, dall’incrocio di via Vindicio a via Canzatora) a partire dalle ore 13:00 e fino a completamento dei lavori. 

“La realizzazione del primo pozzo ai 25 ponti – commenta il Sindaco di Formia Sandro Bartolomeo – rappresenta il primo concreto strumento per superare l’emergenza idrica nella nostra città e più diffusamente nel comprensorio del golfo. Ho sollecitato Acqualatina affinché altri pozzi vengano scavati in area, trovando l’ente gestore concorde. Credo che questa importante riserva d’acqua individuata in località Acervara possa diventare la chiave di volta per superare le difficoltà che si potrebbero presentare nuovamente il prossimo anno, con particolare riferimento al quadrante occidentale del Golfo, ossia ai comuni di Formia e Gaeta. Operazioni di individuazione di nuove risorse idriche andranno effettuate anche nella parte orientale (Acqualonga, Santa Croce e Penitro) in modo da rendere autonoma anche quella parte di città rispetto alla sorgente di Capodacqua. Sollecitiamo inoltre Acqualatina a procedere senza indugi nella azione di individuazione delle perdite e nell’attività rifacimento della rete idrica, fatiscente in diversi punti della città. Non più tardi di ieri sera l’individuazione di una perdita importante in pieno centro ha consentito di riportare l’acqua agli ultimi piani dei palazzi. Tutto l’asse via Lavanga-via Rubino ha bisogno di un intervento radicale di rifacimento della rete idrica. Bisogna rimboccarsi le maniche ed è quanto si sta facendo. A tal proposito – conclude Bartolomeo – voglio ringraziare i dipendenti di Acqualatina e della ditta appaltatrice che stanno lavorando senza soluzione di continuità e con grande spirito di abnegazione affinché si superi questa fase difficile”.