Gaeta: Giornata della Memoria in onda su Telegolfo

Mercoledì 27 gennaio, in occasione del “Giorno della Memoria”, dedicato alla commemorazione delle vittime dell’Olocausto, il Sindaco di Gaeta Cosmo Mitrano porterà il suo messaggio nel corso della trasmissione che andrà in onda alle ore 21 su RTG-TeleGolfo Canale 810 del digitale terrestre.”Solo mantenendo la Memoria viva – dichiara il Sindaco Cosmo Mitrano – impegnandoci tutti a tramandarla di generazione in generazione, possiamo sperare che un qualcosa di così tragico e disumano possa NON ripetersi. In occasione del Giorno della Memoria rimarchiamo con convinzione il nostro no ad ogni forma di pregiudizio, di discriminazione ed indifferenza, purtroppo sempre più presenti nella nostra società. Contrapponiamo a questi sentimenti il valore fondamentale della pace. Contribuiamo per una società sempre più aperta all’educazione dei valori civili e morali quali la solidarietà, la tolleranza, l’altruismo, il rispetto dell’altro”.Oltre al Sindaco di Gaeta Mitrano, interverrà l’Assessore alla Pubblica Istruzione Gianna Conte ed il Delegato del Sindaco per lo studio e rievocazione di memorie ed eventi storici Marcello Rosario Caliman.Con la legge 211, dal 2000, in Italia ogni 27 gennaio si commemora il “Giorno della memoria”.”Istituzione del “Giorno della Memoria” in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti”Art. 1.1. La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, “Giorno della Memoria”, al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.Art. 2.1. In occasione del “Giorno della Memoria” di cui all’articolo 1, sono organizzati cerimonie, iniziative, incontri e momenti comuni di narrazione dei fatti e di riflessione, in modo particolare nelle scuole di ogni ordine e grado, su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti in modo da conservare nel futuro dell’Italia la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia nel nostro Paese e in Europa, e affinchè simili eventi non possano mai più accadere.