Gaeta: Solidarietà ai pescatori in lotta contro il caro gasolio

Pubblicità

Come Difendi Gaeta – Partito Comunista esprimiamo tutta la nostra solidarietà alla marineria del golfo di Gaeta in lotta contro il caro gasolio che colpisce duramente gli operatori della pesca e i lavoratori dell’intero comparto ittico. Lavoratori che ieri hanno partecipato con una delegazione, alla manifestazione nazionale svoltasi ad Ancona, per convincere il governo ad abbassare il costo dei carburanti.

A differenza di altri comparti quello ittico non ha usufruito di aiuti finalizzati a compensare le perdite di reddito subite a causa del Covid e del lungo periodo di fermo pesca tra febbraio 2020 e dicembre 2020.

Dopo la pandemia e con l’arrivo della guerra il prezzo del gasolio è triplicato siamo arrivati ad 1,20 al litro costo non più sostenibile per l’attività dei pescherecci.

Se ciò non bastasse sono arrivate normative da Bruxelles che danneggerebbero ulteriormente il comparto pesca italiano a causa di assurde limitazioni sulla larghezza delle maglie delle reti.

Invitiamo pertanto tutti gli operatori del comparto ittico locale a portare avanti lo sciopero uniti, ma ricordiamo ancora una volta che questi effetti non sono dovuti ad eventi naturali casuali, bensì a ben precise scelte economiche e di politica internazionale portate avanti dal governo Draghi. Un governo che come e più dei precedenti si mostra succube della gabbia dell’Unione Europea e della NATO, alleanza militare non più difensiva e anacronistica al giorno d’oggi.

Diamo inoltre la nostra disponibilità fisica e organizzativa per qualunque tipo di mobilitazione i lavoratori vorranno mettere in atto anche qui a Gaeta.

CONTRO DRAGHI, UE, E NATO !!! PER IL POTERE IN MANO A CHI LAVORA !!!

Partito Comunista Sezione “Mariano Mandolesi” Gaeta

Assemblea popolare DIFENDI GAETA