Gaeta: “Un Parco da aMare senza plastica”. Venerdì 22 Luglio, alle ore 10:30, presso la Base Nautica Flavio Gioia,

Pubblicità

Pubblicità

Venerdì 22 Luglio, alle ore 10:30, a Gaeta, presso la Base Nautica Flavio Gioia,
verrà dato avvio a “Un Parco da aMare senza plastica”.
L’iniziativa rappresenta l’evoluzione di “We Love marenostrum”, attività
portata avanti in passato dalla Base Nautica Flavio Gioia di Gaeta, azienda che
intende aderire, in maniera strutturale, alle azioni di contrasto ai rifiuti in
ambiente marino, previste dal contratto di costa “Riviera di Ulisse foce del
Fiume Garigliano”. A tal scopo, i pescatori e i diportisti di Gaeta, che
volontariamente aderiranno, riceveranno reti speciali per raccogliere le plastiche
di superficie. I rifiuti raccolti verranno, poi, gestiti dal Comune di Gaeta e dalla
ditta Del Prete s.r.l.
L’auspicio, è che siano sempre più numerosi i diportisti volontari armati di
retino e buona volontà, che sperimentino la pratica virtuosa del boat&clean,
ripulendo il mare dai rifiuti e dalla plastica. “Non è soltanto – affermano gli
organizzatori – un’iniziativa di salvaguardia del patrimonio che avvolge la
Riviera di Ulisse, ma anche un’opportunità che stimola cittadini e turisti a
mettere in pratica azioni green a casa propria, attraverso un concorso social
che premia e mette una cornice ‘digitale’ ai migliori volontari”.
La maggior parte della plastica presente nei nostri mari proviene dalla
terraferma e circa l’85% dei rifiuti rinvenuti sulle spiagge europee è sempre
plastica. Oltre alla grave minaccia per la biodiversità e per la salute umana, i
rifiuti marini gravano sull’economia dell’Unione Europea perché danneggiano
particolarmente i settori turistico-ricreativo e quello ittico (attività che, a loro
volta, contribuiscono all’inquinamento del mare).

L’iniziativa, che sarà estesa nelle prossime settimane ad altri approdi della
riviera, tra cui il porto di Sperlonga e il circolo Caposele di Formia, punta,
quindi, a mitigare la problematica delle plastiche in mare coinvolgendo in
maniera sinergica cittadini, enti, associazioni e imprese.
“Sono grata a quanti parteciperanno all’iniziativa, innanzitutto pescatori e
diportisti. Ma spero che diventi un atteggiamento di ognuno di noi: lasciamo al
nostro mare e alle nostre spiagge le conchiglie e i sassi levigati” – dice la
Presidente del Parco Carmela Cassetta – “e riempiamo, invece, i nostri retini di
cicche di sigaretta, plastiche monouso e quant’altro possiamo. Un piccolo gesto
per restituire alle future generazioni il mare pulito che ricordiamo nella nostra
infanzia”