Golfo: Lega Navale Italiana Sez.Scauri Formia e Circolo Vela Viva di Formia insieme per la salvaguardia del litorale

I.T.E. Tallini Castelforte

Escursione al Parco di Gianola e al Monte di Scauri.2

La Lega Navale Italiana sez. Scauri-Formia e il Circolo Nautico Vela Viva di Formia ancora insieme per valorizzare e promuovere la tutela delle coste.

Oggi, sabato primo agosto, si è tenuta un’importante e significativa iniziativa promossa, per l’appunto, dalla sezione di Scauri-Formia della Lega Navale e dal Circolo Vela Viva ed aperta a tutti cittadini e villeggianti che hanno voluto intervenire con la loro presenza a testimonianza di una sempre più crescente coscienza ambientalista e della volontà di preservare le bellezze naturalistiche della costa e del territorio sud-pontino.

Tutti i partecipati all’iniziativa, radunatisi presso il Lido El Chiringuito, sono stati accolti sulle imbarcazioni a vela, messe a disposizione dalla LNI, e sulle barche appoggio dei soci, visitando dunque i posti più suggestivi della costa: la Grotta Azzurra, lo Scoglio Spartuto, Sant’Angelo, Porto Cofeneglio, fino a giungere al Porticciolo Romano. 1Ai partecipati è stata quindi data la possibilità di effettuare alcune attività nella suggestiva cornice dell’area marina protetta, come lo snorkeling, ed inoltre anche un’escursione naturalistica nel Parco di Gianola sotto la guida di Gianluca Treglia, esperto naturalista della stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli.

La manifestazione, fortemente voluta dal Presidente della LNI Scauri-Formia Sergio Iannello e dal Presidente del Circolo Vela Viva di Formia Paolo Di Paola, si è svolta in maniera impeccabile grazie agli organizzatori e grazie al lavoro svolto dal prof. Massimo Gaveglia, referente scolastico della LNI Scauri-Formia, e dai soci: Mario Iovine, Pino Morelli, Gigi Buonomo, Giacomo Zottola, Antonio Tedesco, Gianluca Coppola,Angelo D’Acunto e Gianfranco Treglia.

L’iniziativa ha riscosso un ampio interesse nella cittadinanza ed ha visto l’adesione di molti partecipanti. Senz’altro questo risulta un dato importante, soprattutto in un momento in cui incombe la minaccia di un insediamento di mitilicoltura che danneggerebbe enormemente il paesaggio e l’ambiente costiero della baia di Scauri.

Simona Esposito