Guidi e Di Bonaventura per una serata tra musica e solidarietà

I.T.E. Tallini Castelforte

daniele-di-bonaventura-giovanni-guidi-di-fabiana-laurenzi

CULTURA: Torna il grande Jazz sul palco del Teatro Remigio Paone grazie all’impegno dell’associazione Jazzflirt-Musica & Altri Amori, così, dopo le performance del Gianni Bardaro – Pierluigi Villani quintet, del trio composto da Dado Moroni, Eddie Gomez e Joe La Barbera, e del Rava New Quartet, un nuovo prestigioso appuntamento con il duo Daniele Di Bonaventura – Giovanni Guidi.

Generazioni ed esperienze musicali diverse si incontrano in questo duo umbro-marchigiano di recentissima costituzione a cui hanno dato vita l’ancor giovane pianista  Giovanni Guidi e lo specialista del bandoneon Daniele Di Bonaventura.

1_copiaGuidi oltre ad essere il pianista prediletto di Enrico Rava è anche un finissimo improvvisatore e raffinato compositore, vanta collaborazioni con Gianluca Petrella; Di Bonaventura ha collaborato con il suo mentore Dino Saluzzi e soprattutto con Paolo Fresu.

Sia Di Bonaventura che Guidi prediligono atmosfere dal marcato lirismo e dall’accentuata cantabilità, senza mai scadere nel sentimentalismo di facile deriva. Nella loro musica non viene per altro dimenticata l’imprevedibilità, l’irrequietezza, la sfida alle regole, l’inquietudine (che caratterizza la storia di uno strumento come il bandoneon). Grazie  alla loro  capacità di mettersi e rimettersi continuamente in gioco, con un atteggiamento disinibito, ma inflessibile,  i due, ponendosi  a nudo davanti all’ascoltatore, pongono al centro del loro mondo il sentimento vero al servizio di una musica sempre ispirata, che trae suggestioni dal tango, dal blues, dal minimalismo, dal Mediterraneo, dall’Africa e da tanto altro ancora.

dsc_9742Il concerto sarà preceduto da un “opening act” con una breve esibizione di un trio di giovani musicisti locali capitanati dalla cantante Emilia Zamuner, dal sassofonista Domenico Vellucci e dal pianista Paolo Zamuner.

La serata, oltre ad essere l’occasione per ascoltare una buona musica, avrà un risvolto sociale importante, il ricavato, infatti, sarà devoluto a favore delle popolazioni colpite dal sisma ed in particolar modo per la comunità di Amatrice, comune in cui opera la Protezione Civile di Formia; l’intero incasso, sarà devoluto al fine dell’acquisto di quanto necessario per la sala mensa.

1123-6Inoltre nel corso della serata, sarà altresì possibile acquistare il libro “Il Jazz Italiano per L’Aquila 2015” a cura di Midj – Associazione Italiana Musicisti di Jazz, edito da Postcart, il libro racchiude racconti e fotografie dell’evento di quella che è stata una grande giornata della musica; i ricavi derivanti dalla vendita del libro saranno destinati ad iniziative musicali per i bambini dell’Aquila.

Un appuntamento da non perdere, giovedì 8 dicembre ore 20,00 Teatro Remigio Paone, per una serata all’insegna della musica e della solidarietà, un ottimo modo per aprire le festività natalizie, con uno sguardo a chi è stato meno fortunato.

di Enrico Duratorre

Gli ultimi post su Facebook di Telegolfo