I dirigenti di Fratelli d’Italia Moccia(Minturno) e Vincitorio(Piedimonte San Germano) fanno fronte comune per rappresentare i territori del Sud Pontino e del Cassinate accorpati in unico seggio elettorale

Pubblicità

Pubblicità

La rivoluzione dei seggi elettorali nel Basso Lazio ha fatto finire il Cassinate insieme al Sud Pontino nel collegio uninominale alla Camera, per questo motivo si alza forte la voce dal Cassinate con il giovane consigliere comunale di Piedimonte San Germano Alessandro Vincitorio, vicinissimo da sempre al Senatore Massimo Ruspandini, incarna fattivamente l’esempio di quel “ricambio generazionale” che il Senatore in forza a Giorgia Meloni rivendica da tempo, è l’interprete del “Modello Ruspandini”, che tanto trova successo a “nord” della Provincia di Frosinone. Alza la voce anche il sud pontino, precisamente  Minturno, con il dirigente regionale del dipartimento professioni di Fratelli d’Italia  Marco Moccia, giovane avvocato tra i più votati alle scorse elezioni comunali e tra i promotori della proposta nazionale del tavolo permanente delle libere professioni.

“Quella del 25 Settembre non dovrà essere una sfida dei territori -esordiscono Vincitorio e Moccia- ma dovrà essere l’occasione per fare squadra, per tentare di portare quanto più possibile le tematiche e le criticità delle nostre terre all’interno di Palazzo Madama e Montecitorio. Con la nuova ripartizione vedremo un unico collegio per l’uninominale al Senato per l’intero territorio del Lazio Sud, comprendente le  province di Frosinone e Latina, in base a ciò  – si augurano i dirigenti del partito di Giorgia Meloni- dovremmo vedere la conferma di Massimo Ruspandini e Nicola Calandrini che hanno interpretato ottimamente il ruolo svolto al Senato, stando molto attenti al radicamento sui territori, pertanto siamo certi che con la loro riconferma vi sarà un’interconnessione tra i territori del Cassinate e del Sud Pontino”.

“Il discorso che però ci vede più attenti e pensierosi -spiegano Vincitorio e Moccia- è quello riguardante la Camera dei Deputati, i nostri territori sono stati inseriti nel collegio “U05 Lazio 2” comprendente l’unione dei sistemi locali di Cassino, Terracina, Fondi, Formia e Gaeta; un collegio che interessa dal Cassinate fino a tutto il Sud Pontino. Siamo convinti che la nostra area territoriale essendo molto vasta rappresenti un punto di forza e di opportunità per l’Italia e per la Regione Lazio,  per questo motivo abbiamo deciso di farci forza a vicenda alzando insieme la voce, questo è un coro che si alza da Piedimonte e da Minturno ma che vuole rappresentare l’intero collegio. Crediamo che per avere una vera rappresentanza che sia effettivamente attiva, sia importante un continuo dialogo tra i due territori. Le nuove ripartizioni territoriali devono per forza di cosa far instaurare da subito un rapporto di collaborazione tra i circoli del cassinate e  del sud pontino, noi non sappiamo ancora chi verrà candidato in questo territorio ma chiunque sarà, dovrà rappresentare entrambi i territori in maniera equilibrata. Crediamo che questa collaborazione tra aree possa creare grazie al prossimo governo, che siamo certi sarà a trazione patriottica e con Giorgia Meloni Premier, dei progetti specifici per i nostri territori, crediamo in una rivoluzione delle infrastrutture, della sanità, del turismo. 

Non possiamo mancare a questo appuntamento che ci vede protagonisti più che mai -proseguono i giovani dirigenti di Fratelli d’Italia- anche e soprattutto oggi che siamo il primo partito d’Italia. Ci organizzeremo quindi in virtù di una strategia d’interesse per il territorio del cassinate e del sud pontino, due territori dai rapporti storicamente importanti e che nulla hanno da invidiare a livello culturale e storico alle altre aree della nostra meravigliosa nazione”.