Il consiglio provinciale di Latina approva i nuovi indirizzi scolastici

Il Consiglio provinciale di Latina, che si è riunito il 7 dicembre, ha approvato votando all’unanimità il documento sul dimensionamento della rete scolastica provinciale per l’anno 2023/2024. Il presidente della Commissione scuola e formazione Ennio Sarracino ha sottolineato come la proposta è frutto di un percorso articolato e di numerosi confronti con i Comuni, i dirigenti scolastici, sindacati categoria e Consulta provinciale degli studenti le cui istanze sono state vagliate e recepite. Il piano amplia dunque l’offerta formativa sul territorio. E’ in programma l’attivazione di nuovi indirizzi: quello informatico e telecomunicazioni al ‘Pacinotti’ di Fondi; un indirizzo Costruzione ambiente e territorio al ‘Filangieri’ di Formia; un indirizzo Industria e artigianato per il made in Italy-professioni sartoriali e servizi al ‘Celletti’ di Formia; un indirizzo tecnologico di informatica e telecomunicazioni al ‘Caboto’ di Gaeta; un percorso di formazione turistica all’istituto comprensivo ‘Pisacane’ di Ponza; un indirizzo di Meccanica, meccatronica e energia e autronica al comprensivo ‘Giulio Cesare’ di Sabaudia e un indirizzo sportivo al ‘Pacifici-De Magistris’ di Sezze.
Il presidente della Commissione bilancio Vincenzo Mattei ha poi illustrato la variazione del documento contabile di Previsione 2022-2024 per l’annualità 2022 sottolineando come un avanzo di amministrazione sarà utilizzato per un milione e 260mila per interventi di edilizia scolastica oltre a altri 200mila euro destinati ai piccoli Comuni. Si è inoltre discusso della ricognizione ordinaria delle partecipazioni societarie 2022. Il dirigente Francesco Carissimo ha sottolineato la prosecuzione dell’attività dell’Agenzia Formazione Lavoro va mantenuta e il mantenimento del 16% delle quote del Palmer che svolge attività di carattere ambientale e alcuni servizi per conto della Provincia. Per quanto riguarda le Terme di Fogliano e la Pro.Svi l’ente intende uscire da entrambe le società mentre sulla Compagnia dei Lepini, rispetto alla quale era in programma una cessione delle azioni, essendo in atto un processo di trasformazione da società in fondazione di partecipazione la decisione è stata rinviata.
L’assise ha poi dato il via libera al nuovo Regolamento per il funzionamento del Consiglio provinciale che sostituisce quello in vigore che risale al 2004.

Pubblicità