Il Sindaco Giancarlo Cardillo ha consegna ad Ernesto e alla moglie Diana Mattei un riconoscimento per i trent’anni di attività commerciale.

Guardaci in diretta streaming

trent’anni fa, aprivi la tua (allora) piccola oreficeria. Una piccola stanza che si affacciava su Via Alfredo Fusco proprio di fronte alla Villa Comunale. Ricordo perfettamente l’inizio della tua “avventura”. Umiltà, coraggio, passione e desiderio di realizzare qualcosa. 

Man mano che gli anni passavano la tua oreficeria è cresciuta, da piccola si è fatta più grande. Intanto i clienti sono aumentati. Qualche anno dopo è nato il negozio di bomboniere e poi quello di pelletteria. Insomma la piccola oreficeria pian piano è cresciuta e si è trasformata. Ora è un punto di riferimento per tutto il territorio nel basso Lazio e anche per molte persone che vengono dai comuni limitrofi delle province di Caserta e Frosinone. Diciamo che la tua attività è diventata un punto di orgoglio per tutta la comunità cittadina. E’ paradossale ma è vero che, proprio grazie alla tua attività commerciale, in tanti che non erano mai venuti a Castelforte hanno avuto la possibilità di conoscerlo.

Tutto questo è molto bello e fa onore a Te, alla tua sposa e alla tua famiglia. Molte ragazze in questi anni hanno lavorato presso la tua attività contribuendo alla sua crescita e al suo sviluppo. Anche questo è un bel risultato che ha permesso loro di fare esperienza e di maturare e alla tua attività di affermarsi.

In qualità di Sindaco, in occasione del 30esimo anniversario dell’apertura della tua attività commerciale, desidero farti gli auguri per il bellissimo risultato ottenuto e ringraziare te, la tua famiglia e le persone che hanno lavorato e lavorano con te perché avete contribuito a far conoscere di più Castelforte favorendo anche lo sviluppo del territorio.

Grazie ancora e ti auguro di poter raggiungere nuovi e ancora maggiori successi che meriti per l’impegno, la passione e la competenza con la quale hai saputo far crescere e sviluppare l’attività.

Commenta per primo

Lascia un commento