Iniziativa sul Lavoro Stagionale Difendi Gaeta – Partito Comunista

Si è svolta Venerdì pomeriggio l’assemblea pubblica sul lavoro stagionale. Sono stati esposti dal Candidato a Sindaco Benedetto Crocco i dati relativi all’ultima inchiesta operaia triennale del Partito Comunista di Gaeta in presenza del segretario regionale Fabio Massimo Vernillo e del Senatore della Repubblica l’on. Emanuele Dessì.

Quel che subito emerge chiaro dall’indagine è che prevalgono ancora pienamente nell’ambito stagionale il lavoro nero o quello illecito.

Solo il 43,4% degli intervistati ha dichiarato di avere avuto un “regolare” contratto di lavoro e fra questi il 13% ha firmato lettera di licenziamento anticipata, il 26,1% non ha ricevuto copia del contratto e il 43,5% non ne conosceva comunque il contenuto.

Coloro che invece lo conoscono dichiarano al 100% di aver svolto più ore lavorative di quelle previste con una media di 4,69 ore giornaliere in più che sale a 5,41 fra i part time (circa l’84,6% di questi). Il 30,77% dichiara di aver ricevuto una retribuzione effettiva inferiore a quella prevista dal contratto firmato e il 71,7% di aver svolto mansioni e compiti non previsti dal proprio contratto di lavoro.

Il 56,6% di questi inoltre dichiara che durante il proprio rapporto di lavoro ha ricevuto dal datore trattamenti umilianti.

In un quadro generale di questo tipo, al quale si è aggiunto pure la possibilità per gli inoccupati di percepire in alternativa un reddito di cittadinanza, è facile comprendere perché con le proprie scelte padronali le attività in questione hanno incontrato una maggiore difficoltà a soddisfare la propria domanda di lavoro, che se posta nel rispetto delle norme genererebbe tra l’altro un’occupazione aggiuntiva sensibilmente maggiore, tendendo poi così invece a quella attuale più sovrasfruttata, meno qualificata, meno formata e a maggior ricambio, ricercata a questo punto ancor di più fra i giovanissimi e/o le sacche di povertà più bisognose e ricattabili.

Solo il 7,5% dei dipendenti afferma di avere avuto contatti con rappresentanti sindacali o legali a loro tutela, soltanto il 52,8% afferma che saprebbe a quali figure rivolgersi. Eppure il 94,3 % dichiara comunque che sarebbe disponibile ad intraprendere eventuali iniziative di rivendicazione e di lotta quantomeno per i propri diritti negati.

Le inchieste finora svolte dai Comunisti di Gaeta, seguite da assemblee, appelli pubblici di unità e il supporto finanche legale ai lavoratori in questione, non sono bastate finora per avviare una vera risposta collettiva in controtendenza. Il problema è soprattutto politico prima ancora che culturale e per cambiare davvero ci si trova a dover lottare contro un conglomerato di interessi di parte che coinvolge padroni, amministratori, istituzioni e finanche ormai la criminalità organizzata.

Rinnoviamo dunque l’appello all’unità tra chi vive del proprio lavoro, per DIFENDERE GAETA dagli attacchi di Banche, Multinazionali e Criminalità Organizzata che ormai solidali con renditieri locali, albergatori, balneari e multiproprietari di case, e con l’aiuto delle amministrazioni sia nazionali che locali guidate dal PUL (Partito Unico Liberista), tendono a concentrare la ricchezza nelle mani di pochi a discapito del resto della collettività. E a pagarne le spese se non ci uniamo e organizziamo insieme, saremo noi che viviamo già a fatica del nostro lavoro, precari, stagionali, piccole partite IVA e piccole attività commerciali, saremo costretti anche noi come hanno fatto già tanti in questi ultimi decenni, a lasciare la nostra città!

MAI ARRENDERSI!!! DIFENDIAMO INSIEME GAETA !!!

Partito Comunista Sezione “Mariano Mandolesi” Gaeta

Assemblea popolare DIFENDI GAETA