LA PESCA SPORTIVA CHIEDE “IL CONTO”

Il Decreto che proroga al 31/12/2014 i permessi di pesca in mare scaduti e in scadenza è stato firmato dal Presidente del Consiglio Enrico Letta (uno dei primissimi atti dopo il suo insediamento ad interim al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali di Via XX Settembre, in conseguenza delle irrevocabili dimissioni dell’on. Nunzia De Girolamo).

Il decreto reintroduce la obbligatorietà della comunicazione ministeriale per i pescatori che esercitano la pesca da terra così come imposto dal decreto Galan del 2010, abrogando l’art. 1 di un successivo decreto del 2011 che, senza una motivazione plausibile, li aveva esclusi, mortificando tutti gli sforzi realizzati dal movimento della pesca sportiva e ricreativa per “contarsi” ed emergere ufficialmente, per ricoprire il legittimo ruolo di rappresentatività e di peso decisionale all’interno della pesca marittima, sino ad allora occupato soltanto dalla pesca professionale.

  • Rispetto alla pesca professionale,  in che modo la pesca sportiva contribuisce al ripopolamento ittico del mare?

  • A quali norme devono adeguarsi in materia di sicurezza e tracciabilità del pescato che tutelano il consumatore finale?

  • Chi ci garantisce che il pescato non viene poi commercializzato, favorendo il mercato nero e la concorrenza sleale?

Queste ed altre le domande che mi pongo da tempo.

La pesca sportiva in Italia viene praticata principalmente come attività agonistica o ricreativa e non per necessità alimentari. Rappresenta un’importante attività del tempo libero cui sono legate implicazioni economiche, sociali ed ambientali. Viene praticata da tutte le classi sociali e diffusa egualmente sia tra i giovani che tra gli adulti e gli anziani.

Come in tante altre parti del Mondo, è arrivato il momento che ad ogni iscrizione, ad ogni pescatore sportivo, corrisponda una tassa, da “reinvestire” in mare per garantire la continuità della presenza delle risorse ittiche.

Ognuno può fare la propria parte!

         www.erminiodinora.com                                            Dott. Erminio Di Nora

 

Gli ultimi post su Facebook di Telegolfo