LATINA, Covid e scuole, classi in quarantena e monitoraggio costante

Facciata della Casa comunale

Il Sindaco: «I dati suggeriscono prudenza e attenzione ma non sono al momento indicativi per provvedimenti di chiusura, manteniamo alta la guardia e usiamo ogni strumento a nostra disposizione per garantire l’attività in presenza»

Si è svolto ieri mattina un vertice in Prefettura convocato dal Prefetto, Dott. Maurizio Falco, per valutare la situazione di alcuni istituti scolastici superiori di Latina, in particolare i licei Majorana e Manzoni, e un
istituto secondario, il Leonardo Da Vinci, nei quali era emerso un incremento del numero dei contagi da Covid-19.
In accordo con la Asl e sulla base dei dati numerici a disposizione, non sono stati adottati provvedimenti di chiusura delle scuole oggetto della valutazione. Si procederà con la messa in quarantena delle classi coinvolte
dai casi di contagio e la situazione sarà monitorata con estrema attenzione. Il tavolo, su indicazione del Prefetto Falco, si riaggiornerà tra 48 ore.
«È una situazione da guardare con molta attenzione – dichiara il Sindaco di Latina Damiano Coletta – ed è necessario che tutti mantengano alta la guardia rispetto all’osservanza delle prescrizioni. Oggi ho proposto al
tavolo in Prefettura la possibilità di effettuare uno screening diagnostico della popolazione scolastica con tamponi ogni 15 giorni direttamente nelle scuole. Dobbiamo poter garantire l’attività in presenza con tutti gli
strumenti che abbiamo a disposizione, dunque i vaccini per il personale scolastico e tamponi periodici per gli studenti. Questa è anche l’indicazione emersa ieri dall’ufficio di presidenza dell’ALI – Autonomie Locali
Italiane, di cui faccio parte e che sarà inoltrata al Governo. Latina potrebbe proporsi come città pilota».