Latina: Settimana corta a scuola. I SINDACATI DIFFIDANO LA PROVINCIA DI LATINA

Clicca e scopri i prodotti in vendità

Una diffida indirizzata alla Provincia di Latina per ingerenza in ambiti di competenza prettamente scolastica. L’atto di rimostranza, inviato direttamente al presidente Gerardo Stefanelli, porta la firma della Gilda degli Insegnanti, unita a quella di Uil e Cisl.

Il sindacato non approva il modo in cui l’ente di via Costa ha proceduto sulla questione della settimana corta contro il caro-energia: «I dirigenti scolastici degli istituti superiori – spiega la coordinatrice provinciale, Patrizia Giovannini – sono stati riuniti e indotti a perorare la causa della riorganizzazione dell’orario per risparmiare energia presso i collegi dei docenti, senza coinvolgere le sigle sindacali. La Provincia si è arrogata un diritto in un affare che non le compete e qualora avesse deciso la chiusura del sabato per tagliare i costi avrebbe dovuto emanare un decreto di chiusura ad hoc, a partire dal quale i consigli di istituto avrebbero stabilito come muoversi».

«I collegi dei docenti – sottolineano i segretari delle organizzazioni sindacali nella diffida – possono proporre e deliberare sull’orario scolastico solo per motivi didattici. Il risparmio energetico con la chiusura del sabato degli istituti non può che definirsi causa di forza maggiore, pertanto dovrebbe essere argomento di discussione degli organi preposti, ovvero la stessa Provincia o al massimo i consigli di istituto. Obbligando i collegi dei docenti a formulare un altro orario per consentire la settimana corta, l’ente dimostra di non contemplare affatto l’obiettivo del risparmio energetico, semmai commette un’ingerenza indiscriminata nelle decisioni che la scuola dovrebbe prendere autonomamente, escludendo per di più i sindacati di categoria».

L’idea della settimana corta non convince la Gilda: «Comprendiamo la situazione di emergenza che si sta profilando per la crisi energetica, ma non possiamo trascurare le problematiche legate a una simile decisione che, di fatto – afferma la Giovannini – non è risolutiva. La chiusura del sabato comporta il recupero delle ore di lezione e amministrazione in settimana, con allungamento dell’orario in alcuni casi fino al pomeriggio, e un potenziamento dei trasporti che già negli ultimi due anni di pandemia hanno fatto acqua da tutte le parti. Anche la chiusura degli uffici scolastici ricadrà sulle famiglie che lavorano e non hanno altre giornate a parte il sabato per richiedere documenti o assolvere alle pratiche burocratiche. Per risparmiare gas, invece di sacrificare il sabato spalmando l’orario scolastico sugli altri giorni, si sarebbe potuto intervenire sugli edifici scolastici dove ancora esiste un sistema di riscaldamento centralizzato e sui sitemi di areazione per evitare l’apertura delle finestre e inutili dispersioni di calore».

Alla diffida, inviata circa due settimane fa, il presidente della Provincia non ha dato alcuna risposta eludendo le relazioni sindacali a tutti i livelli. «D’accordo con le altre sigle – dichiara la coordinatrice della Gilda – porteremo le nostre rimostranze alla Regione Lazio chiedendo il rispetto delle competenze e il ripristino del corretto dialogo con i sindacati».

Fonte: lepilloledilatina

Pubblicità

https://www.instagram.com/p/Cj-a3_4I589/