Lenola: il Comune vince la disputa sul bar-pizzeria ‘Rusticone’

Il Tribunale di Latina dà ragione al Comune di Lenola nella causa per la gestione del bar-pizzeria ‘Miracolle’, a tutti noto come ‘Rusticone’, e dispone che entro il 14 agosto 2019 l’immobile pubblico torni nella piena disponibilità della collettività locale: è quanto reso pubblico con sentenza emessa dal giudice Antonio Gabrielli lo scorso 14 marzo. La decisione pone dunque fine – e lo fa senza lasciare adito a dubbi – a una disputa sull’immobile e gli annessi servizi che andava avanti da ormai più di tre anni.

Il Tribunale, in particolare, ha dichiarato “cessato il contratto di appalto intercorso tra Comune di Lenola e Enrico Mastrobattista, alla data del 31.12.2014”, condannando quest’ultimo “al rilascio in favore del Comune di Lenola della struttura Bar-Pizzeria Miracolle, ed annessi servizi sito in Lenola alla via Padre Pio, località Madonna del Colle”, entro 150 giorni dalla sentenza. Ultima disposizione del giudice è la condanna per Mastrobattista al rimborso “alla parte Comune di Lenola” delle “spese di lite, che si liquidano in euro 20,00 per spese, euro 3mila per competenze, oltre i.v.a., c.p.a. e 15,00% per spese forfettarie”.

Un verdetto che l’Amministrazione comunale guidata da Fernando Magnafico accoglie con soddisfazione: “La cittadinanza lenolese torna finalmente in possesso di un bene comune per lei prezioso e importante – sottolinea il Primo Cittadino di Lenola – che nel prossimo futuro potrà essere rimesso a disposizione degli interessi prioritari della nostra collettività, così da rispondere alle esigenze di rilancio e di crescita dell’economia locale cui puntiamo dal primo giorno del nostro insediamento. La sentenza del Tribunale conferma quanto ci aspettavamo e lo fa senza se e senza ma, fugando in modo definitivo tutte le questioni che da troppo tempo ormai erano aperte”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.