Lettera del Sindaco di Vitulazio (Caserta) al Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte.

Il Paese delle meraviglie a Minturno


Avv. Raffaele Russo

Sig. Presidente,

nella qualità di Sindaco del Comune di Vitulazio, un comune di circa 7.500 abitanti, sento il dovere di rappresentarLe il grave disagio che l’emergenza sanitaria Covid-19, con tutte le conseguenze derivanti dall’adozione delle misure che tutti siamo stati chiamati ad assumere, sta producendo sulla già fragile economia locale. L’ultimo Suo provvedimento del 9 c.m, doloroso, ma necessario, rende ancora più difficile la vita degli operatori economici. Le perdite che i piccoli commercianti, gli artigiani e le imprese, il popolo delle partite iva, stanno sopportando sono notevoli. Mi rendo conto che oggi l’attenzione Sua e del Governo è protesa, come è giusto che sia, alla salvaguardia della salute di tutto il Popolo Italiano. Su tale fronte il Suo Governo sta dimostrando grande attenzione nel mettere in campo azioni preventive, efficaci ed incisive. In questo momento difficile sento, però, la necessità di farmi interprete del grido di dolore che gli operatori economici locali quotidianamente, nel loro dignitoso silenzio, mi fanno pervenire, lo fanno senza rinunciare alla loro dignità, con la schiena dritta. Sicuramente la nostra situazione è uguale a quella di tanti altri Comuni d’Italia e del Sud in particolare. Sono anche consapevole del fatto che un Governo debba fare i conti con situazioni economiche sovranazionali,occorre pareggiare il Bilancio, fare i conti con l’Europa, confrontarsi con un sistema economico globale che richiede un sistema imprenditoriale solido e competitivo. Come Lei sa un’amministrazione comunale può fare ben poco per salvaguardare un sistema economico già strutturalmente fragile e ancora meno può fare in questa situazione di emergenza. Si tratta di garantire la sopravvivenza a queste persone, di chi ogni mattina alza la saracinesca di negozi ed imprese, nella speranza di pareggiare almeno costi e ricavi. Leggo nei loro occhi la volontà e la determinazione di lottare, di aspettare tempi migliori, di recuperare le perdite che in questi giorni stanno subendo. Anche questi piccoli attori del mondo economico, con il loro 0,00001%, contribuiscono a formare il PIL, non possono essere abbandonati al loro destino. Questi Sig. Presidente sono i veri eroi di un sistema economico e sociale che consente ai nostri piccoli comuni di sopravvivere, sono quelli che mantengono in vita un piccolo sistema sociale, sono la struttura portante delle nostre comunità, che hanno evitato lo spopolamento del Sud, che hanno arginato la desertificazione urbana e sociale. Sono coloro che a fronte delle difficoltà quotidiane non scappano, le affrontano in silenzio, con coraggio; ecco sig. Presidente questi sono i veri eroi dei tempi moderni, quelli che pagano le tasse, le bollette, i dipendenti e vivono con la speranza che il prossimo anno sia migliore. Sono quelli che non chiedono aiuto a nessuno, quelli che individualmente considerati, nell’ambito dell’intera economia nazionale, hanno poco peso, loro non sono la Finanza, sono coloro che non frequentano i salotti buoni dell’economia, però tutti insieme rappresentano l’economia reale, quella che produce, quella del lavoro, del lavoro e del sudore della fronte, in una sola parola sono l’economia onesta, quella che non ha mai fatto conto sugli aiuti statali o comunitari. Non sono le banche che, dopo avere danneggiato i risparmiatori, chiedono di essere salvate. Allora sig. Presidente io, a nome di queste persone, che mi onoro di rappresentare, chiedo a Lei, all’avvocato degli Italiani, di adottare con urgenza provvedimenti economici e fiscali per consentire a questi operatori economici di continuare ad esistere e a dare vita alle nostre piccole comunità. Faccio appello alla sensibilità dell’uomo e del giurista prestato alla politica, nella convinzione che sicuramente vorrà pendere in conto le richieste del mio Paese, richieste che sicuramente sono uguali a tanti altri Comuni d’Italia. Dobbiamo dare coraggio e speranza al nostro popolo, a questo popolo che da tanti anni, da troppi anni, stiamo solo chiedendo sacrifici. In attesa di Suo cortese e, mi auguro, personale riscontro, La saluto cordialmente augurandoLe buon lavoro.

Vitulazio, lì 11.03.2020

Il Sindaco

Avv. Raffaele Russo

le3cshop.com