L’Heracles in rimonta porta a casa la vittoria. Ardea si arrende sul finale.

I.T.E. Tallini Castelforte

14702340_348873825461679_2617949942335222412_n-1

SPORT: Un gol allo scadere e l’Heracles porta a casa una vittoria importante che sembrava voler sfuggire ai ragazzi scauresi.

Nel primo tempo, complice la consueta difficoltà di affrontare una trasferta di venerdì sera, l’approccio dell’Heracles non è dei migliori e l’Ardea ne approfitta passando in vantaggio al 5’ su calcio di punizione con Di Melchiorre. Colpiti a freddo, gli ospiti si scuotono ed iniziano a giocare a ritmi più intensi, migliorando soprattutto la pressione. Al 10’ Giulio Marzella colpisce la traversa su assist di Corona e sull’altro fronte Petrella si oppone di piede su un tiro dal limite. La partita è equilibrata ed agonisticamente molto valida. Entrambe le formazioni commettono l’errore di gravarsi di falli arrivando al 20’ già al bonus. L’Heracles guadagna ben tiri liberi, fallendoli, mentre l’Ardea è letale dal dischetto dei dieci metri con Biamonte.

Nella ripresa, dopo appena tre minuti, l’Ardea triplica sugli sviluppi di un rapido contropiede, nato da una palla persa in fase offensiva dall’Heracles. Sotto 3-0, sembra l’epilogo di una serata storta, nata sotto i peggiori auspici. È proprio nella massima difficoltà che si vede, invece, la maturazione di una squadra e l’Heracles dà prova di essere cresciuta rispetto ad inizio stagione. Quasi come se nulla fosse successo, gli ospiti continuano pazientemente a gestire il possesso palla e al 10’ trovano la rete del 3-1, con Colacicco al termine di un’azione corale da applausi. Al 15’ Francesco Bisecco è abile a sfruttare una disattenzione difensiva dei locali e sigla la rete del 3-2. La partita è completamente riaperta. Come nel primo tempo le due squadre commettono falli eccessivi ed a volte anche non necessari raggiungendo il bonus.

L’Heracles ha la possibilità di pareggiare su due tiri liberi, ma sia Corona, sia Bisecco falliscono dai dieci metri. Gli ospiti non demordono ed al 27’ raggiungono il pari, ancora con Bisecco, autore di una doppietta, su assist di Colacicco. A un minuto dal termine il pivot minturnese si procura il sesto tiro libero di giornata e s’incarica della battuta, insaccando sotto l’incrocio dei pali. È l’apoteosi per gli ospiti che ribaltano da 3-0 a 3-4. Nel recupero l’Ardea prova il tutto per tutto, ma Luigi Pimpinella è insuperabile, consentendo ai suoi di uscire vittoriosi da uno dei campi più difficili della categoria.

“È stata una partita bellissima, giocata da due squadre che lotteranno fino alla fine per le prime posizioni – commenta a fine gara Antonio Colacicco – L’Ardea mi ha impressionato per l’organizzazione e la grinta messa in campo. Noi siamo stati superlativi a realizzare una remuntada impensabile. L’approccio non è stato dei migliori – continua Colacicco – ma siamo cresciuti minuto dopo minuto conquistando campo e costringendo gli avversari a chiudersi nella loro metà campo. Contro il Flora ho sbagliato il tiro libero allo scadere che ci avrebbe fatto pareggiare. Oggi dovevo assolutamente rifarmi e ci sono riuscito. Questa partita – conclude il giocatore – ci dà sempre più consapevolezza della nostra forza, ma deve insegnarci che contro di noi troveremo sempre squadre pronte a lottare fino alla fine”.

La Redazione

Gli ultimi post su Facebook di Telegolfo