L’OLIO DELLE COLLINE 2014, PARTECIPAZIONE RECORD DEI PRODUTTORI CORESI

Il Paese delle meraviglie a Minturno


Risveglio dell’olivicoltura corese e della consapevolezza dei coresi circa le potenzialità olivicole del territorio. Quest’anno, per la prima volta in nove edizioni, il Comune lepino ha espresso il maggior numero partecipanti al Concorso “L’Olio delle Colline”, promosso dall’Aspol e dal Capol, con il contributo dell’Assessorato all’Agricoltura della Provincia di Latina e il patrocinio della Regione Lazio, della Camera di Commercio di Latina e del Comune di Priverno.

Sono circa 60 (su oltre 200) gli oli extravergine di oliva di Cori in gara, altrettanti i produttori, professionisti e non. Olivicoltori che con il loro impegno quotidiano svolgono anche una fondamentale funzione di tutela e valorizzazione dello straordinario paesaggio olivetato delle Colline pontine.

Campioni di buona qualità, nonostante l’annata di scarica generale, caratterizzati da un’elevata attenzione per il biologico. Hanno superato l’esame organolettico e le sedute di assaggio ed ora sono in lizza per un posto tra le tre migliori produzioni di “Fruttato Leggero”, “Fruttato Medio” e “Fruttato Intenso” e per gli altri premi assegnati, come miglior olio biologico e il miglior olio Dop “Colline Pontine”.

Appuntamento a Priverno sabato 22 febbraio, alle ore 15.30, presso il Castello di San Martino. Parteciperanno pure esperti di fama nazionale che parleranno degli aspetti salutistici, del marketing e dei risvolti tecnologici legati al mondo dell’olio extravergine.

Una riviviscenza maturata sulla scia della passata edizione del concorso. Alle premiazioni 2013 ospitate al Palasport di Stoza, seguirono a Cori diverse iniziative organizzate da Capol ed Aspol insieme all’Amministrazione comunale. Corsi di assaggio, di potatura e incontri con i produttori hanno contribuito a stimolare la partecipazione al concorso non in chiave meramente competitiva, ma come momento di confronto per il miglioramento del prodotto.

le3cshop.com