Matteo Renzi chiama, Sermoneta risponde.

Le3cshop
Sermoneta: Scuola "Bastione della Portella"
Sermoneta: Scuola “Bastione della Portella”

Pochissimi giorni fa il presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi ha scritto ai Comuni italiani chiedendo di indicare una scuola a cui destinare il finanziamento previsto dal Governo per l’edilizia scolastica. Nel breve tempo messo a disposizione da Renzi, l’amministrazione comunale guidata da Giuseppina Giovannoli ha indicato la scuola dell’infanzia e primaria del Centro Storico “Bastione della Portella”, edificio storico di Sermoneta che necessita di un intervento di restyling. “Gli interventi previsti – si legge nella lettera che il sindaco Giovannoli ha indirizzato a Matteo Renzi – riguardano in larga parte opere di manutenzione straordinaria e l’adeguamento degli impianti alle normative vigenti in materia di sicurezza e risparmio energetico”. L’Amministrazione conferma dunque il proprio impegno ed attenzione al mondo scolastico e alle strutture destinate all’infanzia e all’adolescenza. In particolare, per la scuola Bastione della Portella è stata la necessità del rifacimento degli intonaci e delle tinteggiature esistenti, nel rispetto dei luoghi circostanti e della caratteristiche dell’edificio; la sostituzione degli infissi esterni ed interni con infissi nel rispetto delle prescrizioni previste in materia di risparmio energetico e della stessa tipologia e colorazione degli edifici circostanti; la revisione totale del manto di copertura e la sostituzione delle parti ammalorate con particolare attenzione egli elementi di impermeabilizzazione e coibentazione; le opere di coibentazione acustica e termica dei locali interni secondo le prescrizioni previste dalla normativa vigente; la realizzazione di idonei servizi igienici con la previsione di almeno un servizio realizzato secondo le prescrizioni stabilite dalla normativa vigente in materia dell’abbattimento delle barriere architettoniche; e la revisione totale degli impianti e la sostituzione di tutte quelle parti che non rispettano le normative riguardanti la sicurezza ed il risparmio energetico. È stato presentato anche il piano finanziario e la tempistica per la realizzazione dei lavori.