Minturno: Il candidato a Sindaco Avv. Pino D’Amici incontra i residenti del centro storico

Il candidato a Sindaco Avv. Pino D’Amici ha incontrato domenica pomeriggio i residenti del centro storico di Minturno. Prima dell’incontro, D’Amici ha effettuato un sopralluogo nei vicoli riscontrando ovunque degrado e scarsa manutenzione mentre diversi vicoli sono sprovvisti di illuminazione pubblica.

“Bisogna partire da qui – ha dichiarato alla platea – dalla sistemazione dei vicoli fatiscenti, pulizia delle erbacce, riparazione delle fognature ed ogni intervento necessario a rendere più bello e accogliente il nostro centro storico. Noi partiremo dalla programmazione degli interventi di manutenzione, stabiliti fin dall’inizio dell’anno, perché non devono più esistere cittadini di serie A e serie B, i servizi devono essere uguali per tutti. Un tempo Minturno era piena di botteghe, oggi solo negozi chiusi, a parte qualche imprenditore che ancora ha il coraggio di aprire e per questo lo ringrazio. Ma se non si comincia a rendere il centro storico accogliente non si potranno attrarre investimenti. La nostra intenzione è di incentivare aperture di negozi, affiancando gli imprenditori attraverso uno sportello specifico in Comune e operando degli sgravi fiscali per coloro che vogliono aprire un pub o un ristorante”.

D’Amici ha anche focalizzato l’attenzione sul Castello Baronale, che “deve diventare il cuore pulsante del centro storico”: “Al suo interno vorremmo ospitare un Museo Archeologico collegato con il Comprensorio Archeologico di Minturnae. Nell’antiquarium del Teatro Romano vi sono tantissimi reperti in magazzino che non hanno spazio per essere esposti. Noi pensiamo di ospitarli nel Castello e per mezzo di un biglietto unico portare i visitatori del Comprensorio Archeologico nel centro storico. Ogni anno a Minturnae si registrano 20.000 turisti, dunque si tratta di un potenziale molto importante sul quale lavorare. Quindi il primo passo sarà siglare quanto prima un protocollo d’intesa con la Sovrintendenza al fine di traslare quei reperti nel Castello”.

Inoltre, ha spiegato D’Amici, nel Castello Baronale andranno svolti diversi eventi durante l’anno. Dapprima ripristinare il “Natale al Castello”, con la mostra presepiale che in passato è stata tanto amata e svolgere eventi natalizi dal 1 dicembre fino al 15 gennaio. Durante l’anno il Castello potrebbe ospitare eventi musicali di rilievo, come festival di concerti blues e jazz, teatro e cinema. Eventi di qualità che richiamerebbero persone da fuori in un’ottica di destagionalizzazione turistica. “Quello che è sempre mancato – ha commentato D’Amici – è un’unione tra mare e collina. Si è sempre pensato che questo territorio potesse offrire solo la vacanza sul lettino, eppure potrebbe offrire un tipo di vacanza completa anche con altri aspetti della vita quotidiana. Tutto ciò non può prescindere da un adeguato marketing turistico sul quale il Comune deve investire”.

Altra proposta è quella di ripristinare i gemellaggi con i paesi stranieri, che purtroppo sono finiti nel dimenticatoio in questi anni. Tra questi Stamford (USA) dove tra l’altro esiste una grandissima comunità di minturnesi affezionati al loro paese d’origine, Pilas (Spagna), Jyvaskyla (Finlandia), Koka (Ungheria). D’Amici ha annunciato anche l’idea di un concorso per premiare il vicolo più bello: i vincitori avranno in premio sgravi fiscali sulla Tari. Un’iniziativa semplice ma efficace, che responsabilizza gli stessi residenti.

Altra questione affrontata sono stati gli immobili di Minturno 3 e 4, depredati da ignoti, che hanno portato via termosifoni, sanitari, porte. Secondo D’Amici quei locali, dopo essere riqualificati, andranno destinati a famiglie meno abbienti e donne vittime di violenza. Sempre sulla questione degli immobili, il Comune dovrà contattare tutti i proprietari delle case a rischio crollo (la maggior parte residente all’estero) al fine di metterle in vendita o acquisirle al patrimonio comunale per una futura riqualificazione.

Infine, valorizzare il folklore locale. D’Amici ha lanciato la proposta di una delega ad hoc e la realizzazione del Museo della Pacchiana per far conoscere questo straordinario costume che ha vinto diversi premi in Italia e nel mondo. Allo stesso tempo, riqualificare la Sagra delle Regne e portarla ai vecchi fasti di un tempo. Si è parlato anche di Cristoforo Sparagna, il noto artista e letterato locale che ad oggi non ha ancora dignità letteraria e i cui versi dedicati a Minturno potrebbero essere utilizzati in ogni vicolo in una sorta di itinerario ideale.

Numerose le segnalazioni provenienti dai residenti, che hanno ribadito di sentirsi abbandonati dall’amministrazione comunale: la mancanza di uno sportello bankomat ormai da anni, la scarsa sicurezza nel centro storico, la chiusura notturna dell’ex ospedale, il campo sportivo che ad oggi necessita di lavori ed è lasciato nel degrado (addirittura con un muro crollato da due anni e mai riparato mettendo in pericolo gli scolari della scuola elementare).

Responsabile ComunicazioneAvv. Alessandra MorelliCell. 380.3791976
PINO D’AMICI SINDACO

Gli ultimi post su Facebook di Telegolfo