Minturno: “Minturno Libera”. Populismo. Etimologia della parola tra offesa, approvazione o elevamento delle classi più povere?

Cari concittadini,

in seguito alle rimostranze di alcuni esponenti dell’opposizione consiliare, il nostro primo cittadino concludeva il suo “brillante sproloquio attorno al nulla” con un’offesa gratuita rivolta agli avversari politici, caduta di stile non nuova per il primo cittadino minturnese.

In questa occasione, ha utilizzato l’esclamazione “Altro che populismo spicciolo!” dopo righe e righe in cui si era aggrappato agli specchi senza fornire le dovute risposte nel merito della critica, ossia la somma di 173000€, attinta dai fondi destinati all’emergenza Covid-19, spesa per il noleggio con riscatto (non acquisto) di tre bagni chimici, e non i bagni in sé.

Insomma, la solita offesa da ultima spiaggia di chi sa di non aver affatto accontentato il popolo con le sue scelte e, non avendo argomenti validi per replicare, la butta in caciara al fine di sviare il discorso. Ma non solo, utilizzare il termine “populista” con lo scopo di offendere l’avversario politico è un autogol clamoroso, soprattutto per un esponente del centro-sinistra, quale il dott. Gerardo Stefanelli. E vi spiego il perché.

Esso venne coniato per la prima volta per indicare il movimento rivoluzionario russo sorto nella seconda metà dell’Ottocento, il quale si proponeva l’emancipazione delle masse contadine, la fine dell’autocrazia zarista e la creazione di una società socialista.

In generale, con questo vocabolo si definisce l’atteggiamento o movimento politico, sociale o culturale che tende all’elevamento delle classi più povere.

Insomma, il termine populismo ha un significato politico chiaro: rendersi portavoce delle istanze del popolo.

Proprio per questi motivi, l’appellativo “populista” dovrebbe essere considerato come il più alto dei complimenti che possa essere rivolto a un politico, soprattutto dell’area di centro-sinistra. Ma probabilmente, in un ambiente politico in cui la voce dei cittadini ha sempre meno peso, viene considerato poco lusinghiero per i politicanti di mestiere.

Inoltre, non si può non evidenziare che, per quanto riguarda la cultura italiana, la “letteratura populista” è una corrente nella quale si possono annoverare, tra gli altri, autori come Antonio Gramsci e Pier Paolo Pasolini, che hanno fatto dell’anti fascismo il loro cavallo di battaglia.

In conclusione, signor sindaco, se lei considera il termine “populista” negativo e lo utilizza in senso spregiativo nei riguardi dei suoi avversari politici del centro-destra, ha sbagliato perlomeno tre volte: la prima, perché il populismo è di chiara matrice socialista; la seconda, perché dovrebbe essere una virtù del politico quella di riuscire a tutelare gli interessi del popolo, soprattutto quelli delle categorie meno abbienti; la terza, perché tra i vari gradi di politici quelli che dovrebbero essere più populisti sono proprio coloro che esercitano la politica a livello locale, in quanto sono i rappresentanti dei cittadini più vicini ad essi.

Insomma, a parer mio, il sindaco di un comune medio-piccolo come Minturno dovrebbe essere il primo populista tra i populisti, il più populista di tutti i cittadini, colui che riesce a percepire e a soddisfare le necessità del popolo e a portarne avanti gli interessi.

Quindi, mi permetta, secondo me lei non ha utilizzato in modo improprio quel termine, perché effettivamente lei ripudia il populismo.

La cosa è palese, in quanto la sua azione politica non è assolutamente fine al soddisfacimento degli interessi primari e prioritari dei cittadini ma sembra più che altro mossa da un ego smisurato.

E, proprio per questo, mi faccio portavoce di Minturno Libera che con questa nota ribadisce con orgoglio di essere un movimento civico il più antitetico possibile al suo modo di fare politica.

Daniele Amitrano, fondatore e membro del consiglio direttivo di Minturno Libera

Breve curriculum Daniele Amitrano

Daniele Amitrano è uno dei fondatori del gruppo civico Minturno Libera nonché membro del consiglio direttivo dello stesso.

Lavora presso il Ministero della Difesa, autore di 3 romanzi e una raccolta di poesie, vincitore di 3 premi letterari, due lauree: una in Scienze Organizzative e Gestionali e l’altra in Scienze Politiche Economiche e Sociali.

Comunicato Stampa

Gli ultimi post su Facebook di Telegolfo