Minturno: “Pianeta Mare”. Incontro scientifico culturale organizzato dal Parco Riviera di Ulisse presso il L. S. “L.B. Alberti”

Le3cshop

Il Parco Regionale “Riviera di Ulisse” ha organizzato un incontro scientifico Culturale che avrà luogo Giovedì alle ore 10 presso l’aula conferenze del L. S. L.B. Alberti. Dopo i saluti del Dirigente Scolastico Prof. Amato Polidoro, Carmela Cassetta – Presidente del Parco Regionale Riviera di Ulisse, Luigi Valerio – Presidente Associazione Sviluppo Sostenibile AIPU e Giovanni Cafiero – Presidente Associazione “Rotta di Enea”si entrerà nel merito dell’incontro.

Interventi

Nicoletta Cassieri
“Progetti in corso dell’Associazione Rotta di Enea”
Adriano Madonna – Eclab Laboratorio di Endocrinologia Comp. UNINA Federico II Ass. AIPU
“Mediterraneo ed altri mari”
Manuela Rossi – DISTAR UNINA Federico II
“Progetto MICROMAR i primi risultati”

Moderatore: Luigi Valerio

Giovedì 2 dicembre, presso il Liceo Scientifico L. B. Alberti di Minturno, si svolgerà il convegno Pianeta Mare, organizzato dall’Associazione per lo Sviluppo Sostenibile AIPU, in quanto firmataria del Manifesto sul Decennio delle Scienze del Mare delle Nazioni Unite, in collaborazione con il Parco Regionale Riviera di Ulisse.
I cambiamenti climatici, la salute umana, la sicurezza alimentare sono indissolubilmente legati all’oceano e alla sua salute, perché l’oceano regola la temperatura terrestre rendendo possibile agli umani la vita sulla Terra e fornisce loro cibo ed energia, oltre ad ospitare una eccezionale biodiversità di specie animali e vegetali ed interi ecosistemi. Per gli uomini l’oceano costituisce anche una notevole fonte di occupazione e di attività commerciali che, purtroppo, conducono allo sfruttamento delle risorse, all’inquinamento e alla perdita di habitat naturali. Per proteggere l’oceano e tutelare il nostro futuro, le Nazioni Unite, con la risoluzione 72/73 del 2017, hanno dichiarato il 2021 – 2030 il Decennio delle Scienze del Mare per lo Sviluppo Sostenibile: dieci anni per mobilitare la comunità scientifica, i governi, il settore privato e la società civile intorno ad un programma comune di ricerca e di innovazione tecnologica per un oceano pulito, sano, sicuro e sostenibile. L’associazione per lo sviluppo sostenibile AIPU, avendo già aderito, invita le istituzioni pubbliche e le scuole ad aderire al manifesto sul decennio del mare con incontri come questo presso il liceo scientifico “L.B. Alberti” di Minturno”.
Il presidente del Parco Carmela Cassetta è entusiasta all’adesione dell’Ente ed in particolare invita alla partecipazione del Premio “Donna di Mare”, nell’ambito del Decennio ONU,che propone una visione innovativa di attività, compresa l’imprenditoria, al femminile, nel rispetto dei diritti e delle pari opportunità, della tutela dell’ambiente valorizzando il territorio e le persone. Infatti il bando coinvolge e raccoglie diverse categorie di prodotti e servizi, come prodotti multimediali, grafici e fotografici, progetti di ricerca, progetti educativi, per citare alcuni esempi. Il mare entra nella scuola, dunque, con le sue meraviglie e i suoi “dolori” causati dai vari tipi di inquinamento e dal surriscaldamento delle acque dovuto al forte effetto serra che fa aumentare la temperatura del pianeta.
Nella prima parte del programma del convegno Pianeta Mare ci saranno i saluti del dirigente scolastico Prof. Amato Polidoro, della presidentessa del Parco Regionale Riviera di Ulisse Carmela Cassetta, del presidente dell’Associazione Sviluppo Sostenibile AIPU Architetto Luigi Valerio e del Presidente dell’Associazione “Rotta di Enea” Giovanni Cafiero.
Gli interventi, che verteranno su vari temi, saranno effettuati dalla Dottoressa Nicoletta Cassieri, archeologa, che illustrerà i progetti in corso dell’Associazione Rotta di Enea, dal Prof. Adriano Madonna, che presenterà il suo ultimo libro “Incontri d’estate: pesci di basso fondo nell’area marina del Parco Regionale Riviera di Ulisse”, pubblicato da Ali Ribelli Editore, e illustrerà gli effetti dei cambiamenti climatici riscontrati durante due viaggi di studio in Patagonia e alle isole Galapagos. Chiuderà gli interventi la Prof.ssa Manuela Rossi, che relazionerà sui primi risultati del Progetto Micromar