Minturno: Una targa in memoria dell’ambasciatore Luca Attanasio, del carabiniere Vittorio Iacovacci e dell’autista Mustapha Milambo è stata consegnata alla dottoressa Zakia Seddiki, moglie del diplomatico italiano.

Una targa in memoria dell’ambasciatore Luca Attanasio, del carabiniere Vittorio Iacovacci e dell’autista Mustapha Milambo è stata consegnata alla dottoressa Zakia Seddiki, moglie del diplomatico italiano.

La targa è stata consegnata dal Sindaco di Minturno, dott. Gerardo Stefanelli, nel corso di una cerimonia svoltasi nell’aula consiliare “Severino Del Balzo”. L’ambasciatore italiano Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci (originario di Sonnino) e l’autista Mustapha Milambo, vennero uccisi il 22 febbraio 2021 in un attentato in Congo, a seguito di un attacco ad un convoglio delle Nazioni Unite, nei pressi di Goma, nell’est del paese africano.

Luca Attanasio, Ambasciatore italiano nella Repubblica Democratica del Congo, sposato e padre di tre bambine, era a bordo di un mezzo della missione Onu per la stabilizzazione del Paese africano.

La decisione di premiare la dott.ssa Zakia Seddiki, fondatrice insieme all’Ambasciatore Attanasio dell’Associazione ora diventata Fondazione “Mama Sofia” è stata assunta da una Commissione ad hoc, il premio è stato istituito dalla Giunta Comunale di Minturno a seguito di una mozione assunta all’unanimità dal Consiglio Comunale il 6 marzo del 2021.

La Commissione, composta dal Presidente Michele Camerota, scaurese d’origine – Console d’Italia ad Erbil, (capoluogo della Regione autonoma del Kurdistan iracheno) dall’Assessore Gennaro Orlandi e dalla Segretaria Generale Franca Sparagna, ha ritenuto di dover premiare all’unanimità la dott.ssa Zakia Seddiki, fondatrice e Presidente dell’Associazione “Mama Sofia”, in considerazione del suo impegno nella diffusione dei valori di pace, di giustizia e di solidarietà tra i popoli.

Alla associazione l’Amministrazione devolverà, come da regolamento, una somma di Euro 1500 da utilizzare per le attività sociali che svolge.

<<E’ un momento commovente e significativo l’attribuzione della prima edizione del Premio Attanasio alla moglie dell’ambasciatore italiano ucciso in Congo – ha dichiarato il Sindaco Stefanelli – è altresì anche un modo per la nostra comunità di rendere omaggio ai tanti italiani che rendono orgoglioso il nostro Paese servendolo con disciplina ed onore e mettendo a rischio anche la loro vita per l’affermazione dei valori di pace e di libertà che sono i pilastri del nostro sistema democratico e della nostra vita quotidiana>>.

<<Come cittadino di Minturno, sono fiero che il Comune abbia voluto intitolare un premio a favore di persone e realtà impegnate nel volontariato e nella cooperazione tra i popoli – ha dichiarato il Console Camerota – Un’iniziativa nata dalla sensibilità dell’Assessore Orlandi, che ringrazio anche per la sobrietà con la quale ha inteso gestire l’evento e per avermi voluto coinvolgere. Come amico e collega di Luca, è stata una giornata di commozione ed emozione e ringrazio Zakia per avere accolto l’invito a ritirare personalmente il premio>>.

Visibilmente commossa durante la cerimonia la dott.ssa Seddiki che ha ringraziato per il premio e l’attenzione riservatole dall’Amministrazione Comunale.

Alla cerimonia hanno preso parte il Presidente del Consiglio Comunale avv. Massimo Signore, il Vice Sindaco Elisa Venturo e l’Assessore Ilaria Pelle, vari consiglieri comunali e rappresentanti delle Forze dell’Ordine, tra cui il Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile di Formia, tenente Alessandro Tolo.

Pubblicità