Minturno:Turismo, Cultura e Folklore

Il turismo, linfa vitale del nostro territorio e dal quale ripartire per superare la crisi mondiale, espandere e sviluppare l’offerta turistica diversificandola e specializzandola collocandola all’interno del sistema territoriale Golfo in un offerta sempre più globale, tecnologica e completa.

Cultura e tradizioni, un binomio che trova le sue radici nel Centro Storico e che coinvolge l’intero territorio comunale e dal quale non si può prescindere al momento in cui si progetta il futuro amministrativo di una città.

“Nell’ambito delle operazioni volte alla promozione e alla cura dell’immagine di Minturno – ha spiegato Marco Conte – è necessario che il Centro Storico riprenda un ruolo centrale e trainante per l’intero comune. Solo il panorama che si gode dalle colline basterebbe a calamitare tantissimi turisti.
Realizzando un progetto comunale si potrebbe attraverso il sostegno al piccolo artigianato, che sia alimentare o non, rianimare i vicoli del centro storico rendendo le botteghe perle nel caratteristico scorcio medievale e con escursioni e percorsi guidati anche di tipo tecnologico portare i turisti alla scoperta non solo del centro ma anche dei complessi archeologici di Minturnae del Castrum Argenti e Pirae oltre a valorizzare la campagna in un percorso naturalistico e tematico sul grano, divenendo così anche polo attrattivo per il traffico crocieristico dal vicino porto di Gaeta e soprattutto dal porto di Napoli.

Lo stesso Teatro Romano deve tornare ad essere palco ambito a livello nazionale e non, con l’organizzazione di eventi di alto livello e che nel corso degli anni ha portato Minturno ad essere presente in tanti cartelloni di grandi artisti.

Infine ma non meno importante è il capitolo del Folklore e del turismo ad esso connesso, “La nostra Città – ha dichiarato l’aspirante primo cittadino Massimo Moni – ha tantissime risorse architettonico/culturali e soprattutto umane. Forse molti dimenticano che il mondo dell’associazionismo a Minturno è molto forte. Grazie all’estenuante impegno dei vari gruppi folkloristici presenti in Città, le nostre tradizioni sono molto conosciute sia in Italia che all’estero. Ma ciò non basta: è necessario che queste preziose risorse siano incoraggiate e messe a sistema nell’ambito di una più ampia offerta turistica.”

Turismo e Folklore quali motori principali di un rilancio economico post pandemico che metta Minturno a sistema non soltanto con i comuni limitrofi, divenendo sempre più meta appetibile e richiesta, ma anche forma rilancio nel sociale con intere generazioni che sono cresciute all’insegna delle tradizioni e pronte a riversarle nei giovani in una costruzione continua del futuro sulle solide basi delle tradizioni cittadine.

Gli ultimi post su Facebook di Telegolfo