MSGC: “Free Monte” si rivolge al comune: Si costituisca parte civile per recuperare i danni subiti nel procedimento penale “Operazione MASCHERA” della DDA di Roma.

Il Comitato Civico Free Monte con la nota del 26 Giugno 2021 ha chiesto al sindaco pro tempore di Monte San Giovanni Campano e al Presidente del Consiglio Comunale  la costituzione  di parte civile del Comune  per il procedimento penale 59157/20 G.I.P del Tribunale di Roma.  Quel procedimento penale istruito dalla Direzione Distrettuale  Antimafia è conosciuto come “Operazione Maschera” per le indagini relative al  traffico illecito di rifiuti ed altri reati per cui è interessato  anche  il Comune di Monte San Giovanni Campano che quindi è indicato come  parte offesa. La scorsa udienza  è  servita per consentire agli enti di presentare la costituzione di parte civile. Si tratta della Regione Lazio, dei Comuni di Frosinone ,di  Atina, Cassino, Cervaro, Colfelice, Colle San Magno, Isola del Liri, Fontechiari, Pontecorvo, Posta Fibreno e Roccasecca. In più hanno presentato richiesta di costituzione il comitato civico Free Monte di Monte San Giovanni Campano nonché il suo presidente Dott. Marco Belli  come singolo cittadino rappresentato dall’Avv. Maria Luisa Ambroselli del foro di Cassino anche  come azione popolare  stante il mancato intervento dell’ente Comune.
Siccome l’udienza preliminare in cui si discuterà il rinvio a giudizio degli indagati  si terrà il 3 Novembre 2021 potrebbe risultare utile  discutere e approvare  durante il    Consiglio Comunale del 30.7.2021  la costituzione di parte civile del Comune di  Monte San Giovanni Campano. Per l’Ente Comune  potrebbe essere il modo di  recuperare i danni subiti che sono stati ipotizzati dalla procura per tutti i comuni appartenenti alla Saf, per una somma che si aggira a  poco meno di 6 milioni di euro.La speranza è ultima a morire…Comitato Civico Free Monte