MSGC: I lavori alla scuola Caio Mario non sono stati fermati dall’esposto di Fare Verde Monte San Giovanni Campano

Fare Verde Monte San Giovanni Campano risponde alla campagna di pubblicità progresso con cui il sindaco Emiliano Cinelli  si è rivolto ai Monticiani per illustrare la situazione degli edifici scolastici che dovrebbero essere interessati dai lavori di ristrutturazione. Ebbene  dalle sue  dichiarazioni fantasmagoriche  manca  ogni riferimento al finanziamento per la demolizione e ricostruzione dell’Angelicum come se i bambini del Capoluogo fossero figli di un Dio Minore visto il campanilismo strepitoso alimentato  dalla sua amministrazione  “arlecchino” che è inclusiva solo per le spartizione delle poltrone.

Per quanto riguarda la scuola Caio Mario , invece, il sindaco  racconta le cose a modo suo in quando il MIUR ha inviato al Comune solo 284.000,oo euro. Invece    il sindaco dovrebbe spiegare,  il motivo ,   dovrebbe precisare, più in particolare, se l’esecuzione dell’appalto è  stata  conforme alla legge. Nello specifico  se è stato effettivamente demolito in maniera integrale il vecchio edificio (come doveva essere per il MIUR) oppure se è stato  preferito lasciarne in piedi una parte (come invece ha fatto  il comune). In questo secondo caso se hanno rispettato le norme che il codice impone per le varianti in corso d’opera. Infine dovrebbe spiegare se successivamente alle “criticità evidenziate” da Fare Verde ha sostituito il responsabile del procedimento e/o del servizio e il direttore dei lavori e perché si è ostinato a non farlo prima dal momento che anche il suo assessore Caserra non solo conosceva le problematiche ma aveva condiviso, nel merito, la fondatezza delle doglianze esposte da FARE VERDE. Fondatezza a cui si è dovuto successivamente arrendere perfino lo stesso Sindaco. Questa associazione, inoltre, si riserva di approfondire la tutelabilità della propria onorabilità e reputazione rispetto a quanto affermato dallo stesso Sindaco che vorrebbe ricondurre lo stop dei lavori del cantiere dell’edificio scolastico Caio Mario di  Chiaiamari a causa di  un esposto che è stato presentato da Fare Verde Monte San Giovanni Campano che  tra l’altro  firma sempre ogni segnalazione. La ricostruzione non solo è falsa ma è anche tendenziosa dal momento che non c’è stato nessun provvedimento cautelare di sequestro all’immobile, al cantiere e neppure al denaro. Al contrario questa Associazione ritiene che potrebbe esserci solo  una responsabilità amministrativa e contabile oltreché politica dal momento che una parte della maggioranza avrebbe voluto  ascoltare Fare Verde Monte San Giovanni Campano  che sosteneva tesi talmente fondate a cui anche lo stesso Sindaco, suo malgrado, alla fine, ha dovuto adeguarsi. Fare Verde respinge ogni forma di disinformazione  e si rende disponibile ad un pubblico confronto con il sindaco  e con l’assessore Caserra visto che in questo luogo abbandonato dalla “verità”  anche se piove è sempre colpa di Fare Verde . Non passerà mai il messaggio che l’esposto di Fare Verde  ha  fermato  i lavori dell’edificio edificio scolastico Caio Mario  perché questa associazione di Cittadini Monticiani  in qualsiasi istante può  dimostrare  che il Comune di Monte San Giovanni Campano ha ricevuto  dal MIUR per la Caio Mario solo 284.000,oo euro arrivati  il 31 Ottobre 2022  su una spesa totale  di €1.420.000,oo. 

Fare Verde Monte San Giovanni Campano

Pubblicità