MSGC: L’ultimo dovrebbe spegnere la luce

Fare Verde Gruppo Monte San Giovanni Campano dopo aver contrastato per anni la insostenibile e costosa pubblica illuminazione comunale (in parte anche fuori norma pervenuta da rottamazione di un impianto Enel) condivide le azioni di protesta dei tanti comuni Italiani per il caro bollette. In questo momento di profonda crisi energetica caratterizzata da rincari esorbitanti diventa obbligatorio chiedere se c’è stata l’adesione dell’amministrazione comunale alla protesta di tanti Comuni Italiani che stanno chiedendo al Governo Italiano di fare qualcosa contro l’impatto della crisi energetica, sui costi di gestione delle famiglie, delle imprese, delle strutture pubbliche e sui bilanci delle Autonomie Locali. L’invito che Fare Verde lancia all’amministrazione comunale Monticiana che in proporzione detiene più pali per la pubblica illuminazione rispetto a Las Vegas è quello di spegnere, per due ore a notte , buona parte delle luci almeno fino al termine della crisi energetica. Fare Verde Monte San Giovanni Campano vuole essere profetica: “Il caro energia sommato all’inflazione creerà seri problemi al bilancio del Comune che molto probabilmente dovrà aumentare le tasse per evitare di tagliare fondi ai servizi”. Un appunto infine va al piano triennale delle opere pubbliche redatto dall’amministrazione comunale che come si legge sui quotidiani ha ricevuto in eredità tanti soldi nelle casse del Comune. Condizione economica così agiata da far passare nel dimenticatoio le azioni per la produzione di energia pulita diffusa che in qualche modo potrebbe contrastare la povertà energetica e la produzione di energia a minor costo per la popolazione.
Fare Verde Gruppo Monte San Giovanni Campano