Msgc(Fr): Il Comune costruisce marciapiedi con le barriere architettoniche ma poi nega l’evidenza

Fare Verde Gruppo Monte San Giovanni Campano ha preso atto della risposta ricevuta dall’Ufficio Lavori Pubblici del Comune di Monte San Giovanni Campano che con PEC ha  dichiarato anche al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti :

 “L’obiettivo dell’Amministrazione in primis è stato sempre quello di tutelare gli utenti deboli “della strada”, ovvero i pedoni e riqualificare, nonchè mettere in sicurezza le banchine stradali. In merito alle dimensioni di progetto e quindi di esecuzione, le stesse risultano comprese essere tra i 0.90 m. (min) e 1.30 m. (max), misure tali da garantire sempre il passaggio per gli utenti, sia normodotati che diversamente abili”.

MAGARI FOSSE VERO!

 In data 16.12.2020 subito dopo aver letto la risposta dell’ufficio tecnico lavori pubblici  inoltrata anche  al Governo Italiano alcuni iscritti di Fare Verde si sono recati in località Anitrella, scelta a caso, tra i luoghi dove sono stati costruiti i nuovi marcipiedi e li hanno misurati. Dai rilievi risulta senza alcun dubbio che i marciapedi costruiti da poco  in località ANITRELLA , adornati con le catenelle colorate,  presentano misure comprese tra i TRENTA CENTIMETRI e i NOVANTA CENTIMETRI con spazi intermedi per il transito pedonale di CINQUANTA CENTIMETRI e SETTANTA CENTIMETRI.  

Fatto è ed è inconfutabile che il Comune di Monte San Giovanni Campano  con il denaro pubblico ha  realizzato DUE MARCIAPIEDI sullo stesso tratto di strada con barriere architettoniche insormontabili quando avrebbe potuto costruire un solo marciapiede rispettando la normativa vigente.

Logicamente Fare Verde Gruppo Monte San Giovanni Campano continua a dare voce alle persone diversamente abili ma come esempio  invierà una lettera al Ministero delle Infrastrutture allegando una perizia tecnica  sui marciapiedi costruiti in località Anitrella e tutte le lettere scritte al Comune di Monte San Giovanni Campano  e alla Provincia di Frosinone  in modo da far luce  una volta e per tutte le corbellerie scritte in nome e per conto dell’Ente Pubblico. Non si escludono, però, altre iniziative per il ripristino della legalità

Gli ultimi post su Facebook di Telegolfo