NUOVO PRESIDENTE CORECOM IN COMMISSIONE VIGILANZA LAZIO

Il Paese delle meraviglie a Minturno


Michele Petrucci, nuovo Presidente del Comitato Regionale per le Comunicazioni (Corecom) del Lazio è stato oggi per la prima volta in Commissione regionale di Vigilanza sul pluralismo dell’informazione, presieduta da Giuseppe Emanuele Cangemi (Pdl).

Come ha ricordato Cangemi, sul suo nome, proposto dal Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, c’è stata in commissione, poco meno di un mese fa, “una larga convergenza trasversale”. Alla nomina di Petrucci, ufficializzata sul Burl, deve seguire ora la designazione degli altri quattro componenti da parte del Consiglio regionale, come prevede la legge istitutiva dell’organo di consulenza e di gestione della Regione, nonché organo funzionale dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.

Nato a Napoli nel 1957 e laureato in Ingegneria elettronica, Petrucci, ringraziando il Presidente Zingaretti e la commissione regionale, ha altresì ringraziato l’avvocato Francesco Soro di cui ha preso il posto, “per aver rilanciato il Corecom del Lazio ed averne fatto uno dei migliori d’Italia. Con un po’ di ambizione e umiltà – ha detto – vogliamo dare continuità al lavoro di Soro e seguitare a migliorare i parametri di servizio garantendo a tutti tutela e equilibrio”.

Augurandogli buon lavoro, il presidente Cangemi e gli altri commissari presenti – Marta Bonafoni (Per il Lazio), Gino De Paolis (Sel), Marino Fardelli (Bongiorno Presidente), Baldassarre Favara (Per il Lazio), Giuseppe Simeone(Pdl), Massimiliano Valeriani (Pd) – hanno sottoposto a Petrucci una serie di tematiche su cui concentrare il proprio lavoro. Dal restringimento del digital divide (il divario esistente tra chi ha accesso effettivo alle tecnologie dell’informazione, in particolare a Internet, e chi ne è escluso per vari motivi) al rapporto fra media e minori, al contrasto della violenza di genere nella comunicazione, a proposte sul Testo Unico dell’Informazione e della Comunicazione su cui la commissione sta lavorando. “Temi condivisi – ha assicurato Petrucci – sui quali sto già lavorando. In un settore difficile in cui in poco tempo cambia tutto, la sfida è sicuramente comune. Il mio impegno è di condividere con questa commissione i passaggi significativi e di tenerla costantemente aggiornata”.

La commissione ha quindi annunciato di voler nuovamente incontrare il presidente a gennaio nei locali del Corecom per la relazione programmatica di progetti e interventi su cui Petrucci vorrà caratterizzare il suo mandato.

le3cshop.com